loading...

CONDIVIDI

Share

mercoledì 16 febbraio 2011

LAMPEDUSA, RALLENTANO GLI SBARCHI MA E’ EMERGENZA UMANITARIA



LAMPEDUSA,

RALLENTANO GLI SBARCHI

MA E’ 

EMERGENZA UMANITARIA

Rallentano sensibilmente, ma non si fermano, gli sbarchi dalla al Sud Italia. Le promesse e le minacce di Frattini e , che hanno promesso l’apertura di una linea di credito da 100milioni di euro al neonato governo tunisino, hanno portato al blocco di almeno quattro barconi appena partiti dalle coste maghrebine. Nonostante questo alcune decine di persone sono sbarcate non più a ma a a Pantelleria, a Marina di Ragusa e a Cirò Marina, in Calabria. Ad ammetterlo è il prefetto Angela Pria, capo dipartimento al Viminale, secondo cui “con quelli di oggi sono saliti a 5.526 gli sbarchi di migranti sulle coste italiane dall’inizio dell’anno, centro volte tanto che nello stesso periodo del 2010″. La capienza dei Centri – ha aggiunto la Pria – “é esaurita” e per questo il governo punta a realizzare tendopoli a macchia di leopardo in tutta la Sicilia, dal paese siracusano di Rosolini all’ex base americana di Comiso.  Da Lampedusa, Tariq, operatore della Ong Save The Children
Nelle parole del prefetto emerge con chiarezza tutta la difficoltà del fragilissimo e malfinanziato sistema della cosiddetta accoglienza dei migranti, con centri più simili a lager che a punti di passaggio temporaneo. E’ questo ovviamente il caso dei CIE, che risultano essere in questi giorni praticamente al collasso. Diverse le rivolte nei giorni scorsi, da Bari a Torino passando per Modena, mentre ieri è stato il turno di Gradisca d’Isonzo. Qui una trentina di detenuti hanno appiccato un incendio a quattro locali usando carta, suppellettili e altro materiale infiammabile presente nella struttura, tentando anche di impedire l’intervento dei Vigili del fuoco.
Intanto sul fronte politico la Commissione Ue ha ricevuto una lettera dell’Italia che chiede un intervento europeo per gestire il flusso di migranti tunisini sulle sue coste ed è pronta ad assicurare “assistenza finanziaria” nell’ambito dei fondi europei disponibili per rifugiati e frontiere. La commissaria Ue agli affari interni Cecilia Malmstrom è “in stretto contatto” con l’agenzia europea per il controllo delle frontiere, Frontex, lo strumento utilizzato da anni dall’ per erigere muri e steccati attorno ala Fortezza Europa, dal mar Mediterraneo sino ai confini fra Grecia e Turchia. A questa militarizzazione si è poi aggiunta, a partire dagli anni ’90, la sciagurata politica degli accordi bilaterali, firmati con evidenti campioni della democrazia come Gheddafi.  Stefano Galieni, giornalista di Liberazione
Sulla vicenda degli sbarchi oggi da registrare anche la passeggiata mediatica del Presidente del Consiglio e del ministro in Sicilia, per effettuare un sopralluogo nel Residence degli Aranci a Mineo, nel catanese, che potrebbe fino a 7 mila persone.


-
  . 
.
 .
 .

-

Nessun commento:

Posta un commento

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/

Google+ Followers

PACE

PACE
PACE

emergency