CONDIVIDI

Share

giovedì 12 gennaio 2012

Pessima notizia per la democrazia italiana



Pessima notizia per la democrazia italiana


 La bocciatura dei quesiti referendari anti-Porcellum da parte della Corte Costituzionale rappresenta una pessima notizia per la democrazia italiana. Nessuno si illuda che i capipartito realizzino per via parlamentare una riforma elettorale limitatrice del loro strapotere sulle candidature e dunque sugli eletti. Solo la via della partecipazione popolare avrebbe potuto fornire la spinta necessaria. Ora comincerà il lavorio dei proporzionalisti. I governi futuri verranno designati in laboriose trattative di vertice, confiscando le prerogative del popolo sovrano. Un ulteriore passo indietro della nostra democrazia malata. Esultarà apertamente Calderoli, ma a ridere sotto i baffi saranno anche gli altri leader di strutture, i partiti, che non hanno mai adempiuto all’obbligo costituzionale (art. 49) del rispetto di regole democratiche al proprio interno.

http://www.gadlerner.it/2012/01/12/pessima-notizia-per-la-democrazia-italiana.html


DEFAULT DEMOCRATICO E REGIME.

Il referendum era, poteva essere, la scialuppa di salvataggio della nave della democrazia.
Quella nave democratica rischia di affondare e di consegnare agli insulti legittimi dei cittadini indignati il Parlamento, autore - nella sua maggioranza di ieri - del Porcellum e indisponibile - con la maggioranza di oggi - a procedere al cambiamento di quella legge vergogna.
La crisi democratica e la prospettiva di un regime viene aggravata da un Governo di tecnici senza legittimazione popolare che procede, come il predecessore Berlusconi, per decreto legge e con richiesta di voto di fiducia. Un voto di fiducia concesso da un Parlamento di nominati ricattati/comprati.
Si svela, oggi, in tutta la sua gravità la, ormai inaccettabile, coincidenza tra Ministri e poteri forti senza consenso.
I “poteri forti” sono certamente parte del Paese, sono parte dell'Italia. Come i “poteri deboli”, la classe operaia o la categoria dei geometri o dei medici. Muore la democrazia, però, quando i poteri forti o una qualunque parte del Paese si identifica, senza legittimazione democratica, nello stesso Governo. Muore la democrazia, anche quando il Governo è espressione soltanto della classe operaia o soltanto dei geometri o soltanto dei medici.
Non si invochi l'Europa, per favore. Il troppo è troppo.
E a nulla valgono, a questo punto, i sorrisi di galateo internazionale di Angela Merkel o di Davide Cameron.
Non più le scellerate speculazioni finanziarie sono oggi il problema principale dell'Italia, ma il dramma italiano è il Default democratico che rischia di salvare caste e speculazioni e trasformare l'Italia in un Paese forse ancora in Euro e in Europa, ma privo di democrazia e di credibili istituzioni rappresentative.

Leoluca Orlando

Per TUTTI gli ITALIANI. copia e incolla

Noi POPOLO SOVRANO cambiaremo, informiamo, facciamoci capire dal NOSTRO stesso Popolo Sovrano, che: " Se vogliamo avere la LIBERTA', dobbiamo raccogliere il 50,1% della popolazione votante, per SISTEMARE le cose senza fare_ricevere NESSUNA VIOLENZA."


25 Rappresentanti per 25 milioni di firme deleghe per avere il POTERE di CHIUDERE i NOSTRI Palazzi e far us
cire tutti.

Far applicare l' INTERDIZIONE PERENNE ai pubblici uffici, dichiarare il blocco degli stipendi, diarie, missioni, vitalizi con rimando alla decisione POPOLARE Sovrana.

PROCEDURA COSTITUZIONALE e INDEROGABILE.

1. NO AI PARLAMENTARI CONDANNATI
No ai 25 parlamentari condannati in Parlamento - Nessun cittadino italiano può candidarsi in Parlamento se condannato in via definitiva, o in primo e secondo grado in attesa di giudizio finale

2. DUE LEGISLATURE
No ai parlamentari di professione da venti e trent'anni in Parlamento - Nessun cittadino italiano può essere eletto in Parlamento per più di due legislature. La regola è valida retroattivamente

3. ELEZIONE DIRETTA
No ai parlamentari scelti dai segretari di partito - I candidati al Parlamento devono essere votati dai cittadini con la preferenza diretta

Fantascienza? No, sono i 3 punti della proposta di legge di iniziativa popolare denominata "Parlamento Pulito", sottoscritta da 350.000 cittadini e chiusa nei cassetti del senato, in attesa di essere discussa, da ormai 4 LUNGHI ANNI.


https://www.facebook.com/
LeggeElettorale


NO alle elezioni con la legge-truffa elettorale porcellum, prima vogliamo una nuova legge elettorale libera e democratica. E anche una legge sul conflitto d'interessi ed una legge sui partiti. Contribuisci anche te a formare una nuova legge elettorale libera e democratica partecipando a questa domanda: https://www.facebook.com/
questions/265948850127951/
Pagina: Piace a 4.216 persone
-


.

Nessun commento:

Posta un commento

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

PACE

PACE
PACE

emergency

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/