CONDIVIDI

Share

martedì 14 febbraio 2012

OLIMPIADI : in Grecia fu un disastro , ALEMANNO FERMATI ...

 questo e' alemanno
 ke cerca di sciogliere
 la neve a Roma



Atene 2004
Una festa per lo sport, con grandi risultati tecnici e splendidi scenari. Il guaio è che la Grecia non poteva permettersi tanto sfarzo: 8,9 miliardi di euro di spesa, soltanto 1,7 dai privati. 

Gli introiti derivanti dai diritti tv furono altissimi (1,2 miliardi) ma non bastarono. 

Si veniva dallo choc Torri Gemelle e dall'attentato alla stazione ferroviaria Atocha di Madrid e non si vollero correre rischi: 1,23 miliardi di euro spesi in sistemi di sicurezza, con 45mila uomini impegnati. 
L'effetto immediato sull'economia greca,  fu ottimo con un incremento del Pil dello 0,3% e un aumento del turismo. 

L'onda lunga di quelle spese folli, però, si è fatta sentire dopo pochi anni.



 L’Europa ha cominciato a crollare il 5 settembre 1997. Senza saperlo: maledetta Grecia e maledette le sue Olimpiadi. Gliele assegnarono quel giorno : come risarcimento per non aver affidato ad Atene i Giochi del 1996, quelli del centenario.


Risarcimento, proprio così dissero tutti. Pazzesco no? Risarcimento al Paese che sta mandando tutti a catafascio. Come indennizzare uno che ha il vizio del gioco d’azzardo. Il paradosso dei paradossi è questo, ora:l’Europa e poi il mondo sono tenuti per il collo da quella storia che sembra non c’entrare e invece è la base di tutto. Perché la Grecia ha mentito a se stessa e a tutti per ottenere di riospitare i Giochi che i suoi antenati avevano inventato e che i suoi avi avevano trasformato poi in un evento globale.

Siamo lì,rovinati dall’oro mitologico di Stefano Baldini che vinse la maratona più importante della storia senza sapere che lo stadio nel quale trionfò, il podio su quale gli infilarono la medaglia al collo, il villaggio olimpico nel quale alloggiò per un mese, erano costruiti su una montagna di debiti e su una clamorosa e gigantesca bugia internazionale: Atene ha mentito per anni sui suoi conti, li ha truccati, ritoccati, rivisti, abbelliti: tutto per ottenere dal pianeta quel malaugurato sì all’organizzazione dell’Olimpiade 2004.

S’erano innamorati tutti del miracolo greco: per l’intero periodo della costruzione, Atene fu presa come modello di sviluppo politico, sociale, persino urbano. Atene, la città più caotica della terra, trasformata per qualche mese in un punto di riferimento, in un gioiello di efficienza e funzionalità. Succede sempre così: gli altri meglio di noi, quindi anche i greci, quindi anche chi negli ultimi duemila anni è stato ai margini della storia e della attualità. Però piaceva la Grecia in quei giorni, anche a noi. La grande occasione, il grande rilancio, la grande sfida. Tutto grande, quando non si spingevano addirittura a definire ogni cosa riguardasse la Grecia «grandissimo». Anche i personaggi diventarono improvvisamente popolari.

 Dora Bakoyannis,all’epoca sindaco di Atene, paragonata a Hillary Clinton, a Condoleezza Rice, ma pure a Margaret Thatcher o a Madre Teresa di Calcutta: una santa laica, che da donna in un Paese di maschi e maschilisti, aveva avuto la forza di portare la prospettiva femminile per la grande rincorsa della Grecia verso il suo futuro.

Dissero che alla fine dei giochi sarebbe diventata ministro degli Esteri per quanto era brava. Oggi è scomparsa, coperta dalla montagna di trucchetti finanziari e di sbianchettamenti della realtà che hanno occultato al mondo le reali condizioni del suo Paese e della sua città per divertirsi con i Giochi olimpici. All’epoca le credevano, però. Scrissero così, in molti: «Atene ha puntato tutto sulle Olimpiadi, otto miliardi di euro. Con tre scommesse: la crescita dell'occupazione, del turismo, del Pil. Obiettivo: abbandonare il ruolo di Cenerentola e diventare un Paese forte nella Ue».

Di forte, poi, la Grecia ha avuto soltanto lo schiaffo dal mondo. Il sogno di un Paese moderno s’è schiantato sui libri contabili dello Stato: non era passato neanche un mese dalla fine delle Olimpiadi e Le Monde pubblicò un’inchiesta in due puntate nella quale si raccontava che dal 1997 in poi i governi greci avevano gonfiato i loro numeri per far bella figura agli occhi del resto del mondo, che avevano artefatto i bilanci pubblici per ottenere credibilità. Nel 2000 il deficit non era stato del 2 per cento del Pil, come annunciato dal governo di Atene, ma del 4,1 per cento. Nel 2001, l'anno in cui il Paese era entrato nella zona dell' euro, la cifra reale era del 3,7 per cento, non dell'1,4. Nel 2004, il dato corretto era 5,3 per cento invece di 1,2. Tutti i dati forniti dalla Grecia erano semplicemente falsi. Un imbroglio senza precedenti, come lo definì qualche mese dopo Joaquim Almunia, Commissario europeo per gli Affari Economici e Monetari.


 Un bidone agevolato dalla complicità e dalla cecità degli altri: se Le Monde svelò la vergogna,c’erano molti altri che sapevano. Altri hanno coperto, in giro per l’Europa. D’altronde con le Olimpiadi di Atene ci hanno guadagnato in tanti: le aziende che hanno costruito gli stadi, quelle che hanno venduto i tram ad Atene, quelle che hanno fornito gli aiuti militari contro il terrorismo. Ognuno aveva l’appoggio dichiarato o tacito del proprio governo. Tutti al gran ballo dei Giochi: la Grecia ha mentito per sentirsi quella che non è. I cinque cerchi, il centro del mondo per un mese. Ad Atene si vantano di essere stati i primi nella storia a pronunciare la parola «Europa». Forse qualcuno li maledirà anche per questo.

 ALEMANNO
 ( il sindaco chiede le olimpiadi a Roma )
FERMATI ... NON VORRAI RIPETERE IL DISASTRO CAUSATO A ROMA PER LA NEVE ,,,,,,,,,


-

2 commenti:

  1. il pericolo sembra scongiurato, Monti ha colpito, meno male...

    RispondiElimina
  2. HAHAHAHA SAREBBE STATO IL COLMO KE KIEDESSE LE OLIMPIADI DOPO LA FIGURA DI EMME CON LA NEVE ,,,

    RispondiElimina

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/

Google+ Followers

PACE

PACE
PACE

emergency