CONDIVIDI

Share

giovedì 24 maggio 2012

TERREMOTO CAUSATO DALLO STOCCAGGIO DEL GAS

.
ZONA TERREMOTO-ZONA STOCCAGGIO GAS




Il terremoto in Emilia Romagna che ha causato la morte di 7 persone e la distruzione di numerose abitazioni ed edifici pubblici e di culto, molti dei quali veri e propri gioielli del patrimonio artistico italiano, potrebbe avere qualche collegamento con le estrazioni di petrolio e gas naturale dai pozzi della zona.
Secondo questa ipotesi, che gira su diversi siti web da ieri, le numerose trivellazioni avvenute nel corso degli anni avrebbero modificato l’equilibrio geologico dell’area compresa tra le province di Modena e Ferrara. A conferma di questo collegamento ci sarebbe l’epicentro di quasi tutte le scosse, che sono già decine da ieri mattina: tra Finale dell’Emilia, Cento e San Felice sul Panaro.

 .


TUTTO COINCIDE I VERDI DENUNCIANO IL TERREMOTO CAUSATO DALLO STOCCAGGIO DEL GAS.

il terremoto secondo esperti ambientalisti sarebbe stato causato dallo stoccaggio del gas di RIVARA MODENA... un sito pericolosissimo nel quale il ministro dell'ambiente sta cercando di intervenire ma che fino ad oggi di fatto e' rimasto come era.
“Gli aspetti tecnici dello stoccaggio del gas e il suo impatto sul territorio. Due sono gli aspetti principali di uno stoccaggio del gas: tecnico e gestionale. Quello tecnico richiede una grande esperienza nella produzione del gas e va puntualizzata la grande differenza fra un pozzo di produzione e uno di stoccaggio. Un buon pozzo di produzione dà mediamente 200.000 metri cubi di gas al giorno e la sua attività va vista mediamente nell’arco di 10 anni (tempo legato alla deplition del giacimento). Quello di stoccaggio invece può arrivare a erogare 2 milioni di metri cubi di gas al giorno e va visto nell’arco di quattro mesi (svaso invernale), con un controllo continuo degli acquiferi. A cui segue la reiniezione di gas per la ricostituzione delle scorte,
con volumi iniettati al giorno paragonabili a quelli dello svaso. Queste caratteristiche danno un’ idea della diversa gestione di un giacimento in produzione e di uno di stoccaggio, che richiedono
modelli di ottimizzazione e di valutazione delle prestazioni diversi. L’altro aspetto è quello gestionale, con l’impatto sul territorio, che deve essere minimo, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza e la percezione positiva dell’attività. La Stogit ha messo a punto una serie di interventi per garantire il raggiungimento di questi risultati, con una serie di attività di elevato contenuto tecnologico, tra le quali:
- sismica cross-well: da un pozzo si emettono segnali che sono registrati da un altro pozzo, permettendo la realizzazione di sezioni sismiche che danno un’idea di elevato dettaglio dell’ andamento delle formazioni geologiche nell’area del giacimento, a volte molto complesso;
- microsismica di superficie e di pozzo: utilizza geofoni ad alta definizione che servono ad acquisire segnali sismici dal sottosuolo innescati sia naturalmente (terremoti) che artificialmente (esercizio dello stoccaggio). Si tratta di un monitoraggio continuo;
- microgravimetria: misura il differenziale gravimetrico di fluidi di densità diversa. Anche qui si
tratta di un monitoraggio continuo che mette in luce ad esempio come il gas può spiazzare l’acqua e viceversa;
- misura dello stato tensionale a fondo pozzo: attività in corso di sviluppo per vedere se l’argilla
di copertura «tiene», segnalando eventuali anomalie. In questo modo si acquisiscono informazioni con le quali si può meglio contribuire alla sostenibilità ambientale dell’attività di stoccaggio nel territorio.”

ci aggiungiamo per essere correti anche CHIETI dove c'e' un'altro sito di STOCCAGGIO e CHIETI si trova in ABRUZZO.

RASSEGNA STAMPA REDAZIONE NAMIR
di b.katia


Un deposito di gas in una zona sismica



LEGGI TUTTO : http://cipiri6.blogspot.it/2012/05/un-deposito-di-gas-in-una-zona-sismica.html

 Un deposito colossale di gas in una zona sismica è un'idea assurda.
“CHE COSA SAREBBE POTUTO SUCCEDERE A RIVARA (dove si è verificato il terremoto) se il grosso deposito in cavità sotterrane di gas metano che vogliono realizzare, fosse stato già in funzione?
Comunicato Movimento 5 Stelle Emilia Romagna:

Una forte scossa di terremoto Come comportarsi


MILANO / Una forte scossa di terremoto è stata avvertita pochi minuti dopo le 4 della notte.
Testimonianze arrivano da tutto il Nord Italia. Il sisma è stato sentito distintamente a Milano, Firenze, Bologna, Verona.
Solo poche ore prima, si era registrata una scossa di magnitudo 4.1, con epicentro a 52 km a nord di Bologna, a 56 km da Verona, 73 km da Parma.

 http://cipiri.blogspot.it/2012/05/milano-una-forte-scossa-di-terremoto.html

 .
.
leggi anche 


NON AFFIDARTI A DEI CIARLATANI GIOCA  LE TUE CARTE 

http://maucas.altervista.org/imago_carte.html

GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO



.

Nessun commento:

Posta un commento

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/

Google+ Followers

PACE

PACE
PACE

emergency