CONDIVIDI

Share

lunedì 8 aprile 2013

Siria, e i giornalisti italiani?


Siria, e i giornalisti italiani?

Da giovedì silenzio della Farnesina e dei media italiani: "Non è un sequestro, ma uno stato di fermo". Roma vuole salvare la faccia e non gettare ombre sui ribelli siriani.

- Massimo riserbo e silenzio stampa. Questa la strategia mediatica della Farnesina sul caso dei quattro giornalisti italiani rapiti in Siria, a Nord di Damasco, il 5 aprile scorso, quasi una settimana fa.

Da allora il silenzio è assordante. Nessun commento, nessun aggiornamento. Le agenzie stampa e i principali quotidiani di informazione italiani e internazionali non riportano nuove informazioni da giovedì. Che siamo stati dimenticati? No di certo. Probabilmente a far calare il velo sulla loro sorte è l'intenzione del governo italiano a non gettare cattiva luce sui gruppi armati di opposizione al regime di Bashar al-Assad. Da tempo Roma, come molti altri Paesi occidentali, ha riconosciuto i "ribelli" come unici rappresentanti del popolo siriano, dipingendoli come combattenti per la libertà.

Eppure di crimini ne hanno commessi, al pari delle forze governative siriane. Intanto a pagare il prezzo di tale diplomazia sono i quattro reporter della Rai, impegnati in un video documentario per il programma "La Storia siamo noi", dal titolo "Silenzio, si muore".

Amedeo Ricucci, Susan Dabbous, Andrea Vignali e Elio Colavolpe restano nelle mani dei ribelli. "Non in stato di arresto, ma trattenuti", dicono fonti vicine alle opposizioni, riprese dai media nazionali. Insomma, non sono in pericolo, solo in stato di fermo, come scrive su Facebook la blogger siriana in Italia, Aya Homsi. Difficile però cogliere la sottile differenza con quello che appare come un vero e proprio sequestro.

I quattro dovrebbero trovarsi ancora nel villaggio di Yaqubiya, dove erano stati portati dopo il rapimento per aver filmato - secondo i ribelli - siti militari sensibili. L'intelligence italiana è al lavoro, mentre il Ministero degli Esteri tace. L'ultimo commento risale a giovedì quando la Farnesina ha fatto sapere di essersi attivata e di seguire la vicenda. Fonti del Ministero hanno da subito affermato che non si tratta di un sequestro, ma di un fermo, e che i quattro giornalisti si trovano in mano a gruppi di ribelli membri dell'Esercito Libero Siriano e non a organizzazioni islamiste.

Per cui, secondo Roma, non c'è da preoccuparsi. Chissà se le famiglie di Ricucci, della Dabbous, di Vignali e di Colavolpe sono dello stesso avviso.

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=70459
.
iscrivendoti a questi siti guadagni ogni giorno
.

 
.
  Guadagna soldi

.

.

.

clicca sui banner per saperne di piu'
.

.

Nessun commento:

Posta un commento

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

PACE

PACE
PACE

emergency

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/