CONDIVIDI

Share

giovedì 26 febbraio 2015

Luther Blissett



Essere fluidi come l’acqua, 
ma all’occasione colpire duro come la tibia di un pugile Thai  (Luther Blissett)

Luther Blissett è uno pseudonimo collettivo utilizzato da un numero imprecisato di performer, artisti, riviste underground, operatori del virtuale e collettivi di squatter negli anni novanta.

Nel 1994, centinaia di artisti europei, attivisti e burloni adottate e condividevano la stessa identità. 
Tutti si chiamavano Luther Blissett e impostati ad aumentare l'inferno nell'industria culturale. Era un piano di cinque anni. 
Hanno lavorato insieme per raccontare al mondo una grande storia, creare una leggenda, dare vita ad un nuovo tipo di eroe popolare.

Nel gennaio 2000, alcuni dei quali raggruppati come Wu Ming . 
Quest'ultimo progetto, anche se più concentrato sulla letteratura e narrazione nel senso più stretto del termine, non è meno radicale di quello vecchio.

"Luther Blissett" è un nome multi-uso, una "reputazione aperta" informale adottato e condiviso da centinaia di artisti e attivisti sociali in tutta Europa dal estate 1994 . 
Per ragioni che rimangono sconosciute, il nome è stato preso in prestito da calciatore britannico a 1980 di origini afro-caraibiche. 
In Italia, tra il 1994 e il 1999, il cosiddetto Luther Blissett Project (una rete organizzata all'interno della comunità open condividere l'identità "Luther Blissett") divenne un fenomeno estremamente popolare, riuscendo a creare una leggenda, il . reputazione di un eroe popolare 
Questo Robin Hood dell'era dell'informazione intraprese una guerriglia sul settore culturale, ha eterodosse campagne di solidarietà per le vittime di censura e repressione e - soprattutto - organizzò elaborate beffe mediatiche come forma di arte, rivendicando sempre responsabilità e spiegando che cosa bug che avevano sfruttato per piantare una storia falsa. 
Blissett era attivo anche in altri paesi, soprattutto in Spagna e in Germania. dicembre 1999 ha segnato la fine del piano quinquennale del LBP. Tutti i "veterani" hanno commesso un simbolico seppuku (il suicidio rituale dei samurai). La fine del LBP non ha comportato la fine del nome, che continua a ri-emergente nel dibattito culturale ed è ancora un sottotitolo popolare sul web.

Selezione di Luther Blissett Pranks

Media bufale di Luther Blissett erano affollate di artisti immaginari, perché il mondo dell'arte è piena di persone ingenue e rende un bersaglio perfetto.

Gennaio 1995 . HARRY KIPPER , un artista concettuale inglese, scompare al confine italo-jugoslavo durante il tour in Europa in mountain bike, presumibilmente con l'obiettivo di tracciare la parola 'ART' sulla mappa del continente. La vittima della beffa è un famoso persone scomparse in prima serata sulla televisione di stato italiana. Mandano un equipaggio e sperperare i soldi dei contribuenti per cercare una persona che non è mai esistito. Vanno fino a Londra e fare ridicoli fino "Luther Blissett" rivendica la burla.

Giugno 1995 . LOOTA è uno scimpanzé femmina i cui dipinti stanno per essere esposto alla Biennale di Venezia del Contemporary Arts. Già vittima di esperimenti sadici in un laboratorio farmaceutico, Loota è stato salvato dal Fronte di Liberazione Animale, poi è diventato un artista di talento. Alcuni giornali annunciano l'evento. Purtroppo, Loota non esiste. Nessun problema, i visitatori delusi della Biennale può rivolgere la loro attenzione a un sacco di immondizia creato dagli esseri umani.

1998-1999 . Darko Maver è scultore e la performance dell'artista serba controverso. Le sue opere sono a grandezza manichini cercano molto simile brutalizzati, mutilati, cadaveri coperti di sangue. La sua arte è l'obiettivo della censura di Stato, e ha chiuso in un carcere serbo per comportamento anti-sociale. In Italia, le immagini delle opere di Maver sono esposte a Bologna e Roma. Prestigiosi, riviste d'arte di alta della fronte pubblicano un appello di solidarietà. Alcuni critici autorevoli sostengono addirittura di conoscere l'artista di persona. Quando "Darko Maver" muore in prigione durante un bombardamento NATO, le immagini del corpo appaiono sul web. Solo, che l'uomo non è "Darko" a tutti, è un membro siciliano del LBP. La verità è rivelata un paio di settimane dopo il Seppuku. Le "opere" sono state le foto di cadaveri veri, trovati su rotten.com. E 'l'ultima grande bufala del LBP, e il debutto di un nuovo gruppo, 0100101110101101.org.

Più complessa scherzo di Luther Blissett è stato interpretato da decine di persone in Lazio, Italia centrale. E 'durato un anno, che coinvolge messe nere, satanismo, Christian cacciatori di streghe nei boschi di Viterbo e così via. I media locali e nazionali comprato tutto con senza alcuna verifica a tutti, i politici hanno saltato sul carro di paranoia di massa, c'era anche riprese video di un (piuttosto goffo) rituale satanico in onda in tv, fino Luther Blissett ha rivendicato la responsabilità per l'intera racchetta e prodotto una massa enorme di prove.

"Omeopatici contro-informazione": iniettando una forte dose di falsità nei media, Luther Blissett ha mostrato la unprofessionality della maggior parte dei giornalisti e l'infondatezza del panico morale.

Questo è accaduto in 1997 . La bufala è stato elogiato e analizzata da studiosi ed esperti di comunicazione, ed è diventato un caso di studio in numerosi testi scientifici.

Il romanzo Q

Fare ciò che è possibile, e poi andare avanti. 

Il romanzo Q è stato scritto da quattro membri basati Bologna del LBP come contributo finale al progetto, e pubblicato in Italia nel 1999. Fino ad ora, è stato tradotto in inglese, spagnolo, tedesco, olandese, francese, portoghese (brasiliano ), danese, polacco, greco, e il coreano.

Il romanzo è ambientato in Europa centrale 16 ° secolo, durante i disordini contadine e ribellioni popolari che quasi "dirottato" Riforma, prima di subire sanguinosa repressione con l'approvazione entusiastica di Lutero.

McKenzie Wark , autore di A Manifesto Hacker , ha concluso la sua recensione del romanzo, con queste osservazioni:

' Q è in qualche modo un libro ottimista ... E 'una questione di una risurrezione narrazione, dove il ritorno degli emarginati, il disempowered è ancora possibile. Un ritorno, non come vittime, ma come un diverso tipo di eroe. Il tipo di eroe che lavora in situazioni, fa ciò che è possibile, e va avanti. A Blissett Luther '.



Intervista a Frankie, uno dei creatori di Serpica Naro
L'incredibile beffa di 200 precari ai signori della moda milanese
"Abbiamo creato Serpica Naro
in 7 giorni e con pochi soldi"

- Serpica Naro sono io. Anzi, siamo noi, i precari del mondo della moda che hanno creato la sedicente artista e stilista anglonipponica, una beffa riuscita in pieno contro la Settimana e la Camera della Moda. Una beffa contro tutti i meccanismi della moda, spiega Frankie del collettivo Chainworkers e di San Precario, uno dei creatori di Serpica Naro. 

A chi è venuta l'idea, soprattutto come siete riusciti a realizzarla? 
"Tra i creatori di San Precario ci sono molte persone che credono che la precarietà si possa costruire attraverso l'immaginario e il sapere. A creare Serpica Naro sono stati 200 precari che lavorano nel mondo della moda, io sono uno di loro, lavoro da anni nel mondo delle sfilate". 

Quindi 200 persone che hanno lavorato anche per queste sfilate milanesi, appena concluse? 
"Certo. Sono tutte persone come me, io ho 32 anni e mi occupo di allestimenti nella moda. Abbiamo fatto tutto quello che si fa in questi casi, e che siamo abituati a fare come precari: tramite i nostri contatti abbiamo redatto un book, creato uno stile e i buyer, allestito una redazione, messo su un ufficio stampa, lo show room. Un lavoro che evidentemente è stato apprezzato dalla Camera della Moda". 

In quanto tempo avete messo a punto tutto il lavoro? 
"In sette giorni. In tre abbiamo completato il book, e negli altri quattro abbiamo presentato in modo capillare Serpica Naro. Contemporaneamente ci siamo inseriti nella Settimana con le nostre manifestazioni di protesta: ci prendevano in giro, qualcuno diceva anche che bisognava avere pietà di noi. Quando si è scoperto di Serpica Naro, per noi è stato un momento liberatorio". 

Una di voi ha impersonato Serpica Naro? 
"No, lei ha sempre parlato attraverso l'ufficio stampa. Però in un certo senso sì: una ragazza con i tratti orientali l'ha interpretata in un video di 10-15 minuti". 

Nessuno ha mai avuto un dubbio sull'autenticità del tutto? 
"Nessun dubbio, assolutamente no. Sembra impossibile che precari che vengono pagati cinque euro l'ora possano essere sullo stesso piano, fare concorrenza a chi guadagna cifre stratosferiche. Per la settimana della Moda si sono spesi miliardi di euro". 

E voi quanto avete speso? 
"Alcune migliaia di euro. Ma non tanto per il lavoro preparatorio: il 70 per cento è stato assorbito dalle spese per la sfilata, il tendone, il riscaldamento". 

Se veniste scoperti non lavorereste più. 
"Non si potrà mai sapere chi siamo. Sarebbe stato diverso se avessimo scelto una linea di protesta di tipo sindacale, o una provocazione del tipo infrangere le vetrine. Quel momento è passato. Adesso vogliamo infrangere la vetrina dell'immagine. La moda ha vampirizzato Milano. La riduzione ai finanziamenti ai teatri dipende anche da questo: la moda ha succhiato lo spirito della cultura. Ecco, noi, in pochi giorni, e con pochissimi soldi, abbiamo fatto quello che loro fanno con ben altri mezzi. Abbiamo dimostrato che la settimana della moda evidentemente non è così prestigiosa". 


Serpica Naro organizza laboratori, iniziative e fa ricerca sociale in particolare intorno ai concetti di proprietà intellettuale, soggettività nelle industrie creative, lavoro e precarietà nella moda.

LEGGI ANCHE :




.
FAI VOLARE LA FANTASIA

NON FARTI RUBARE IL TEMPO
I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO
IL TUO FUTURO E' ADESSO . 


.

Serpica Naro : 10 anni di Altermativa alla Moda



Serpica Naro organizza laboratori, iniziative e fa ricerca sociale in particolare intorno ai concetti di proprietà intellettuale, soggettività nelle industrie creative, lavoro e precarietà nella moda.

Essere fluidi come l’acqua, ma all’occasione colpire duro come la tibia di un pugile Thai  (Luther Blissett)
Luther Blissett è uno pseudonimo collettivo utilizzato da un numero imprecisato di performer, artisti, riviste underground, operatori del virtuale e collettivi di squatter negli anni novanta.

Nel 1994, centinaia di artisti europei, attivisti e burloni adottate e condividevano la stessa identità. 
Tutti si chiamavano Luther Blissett e impostati ad aumentare l'inferno nell'industria culturale. Era un piano di cinque anni. 
Hanno lavorato insieme per raccontare al mondo una grande storia, creare una leggenda, dare vita ad un nuovo tipo di eroe popolare.



Precario è santo e hacktivista. Non ci sono dubbi. Si è “infiltrato” silenziosamente nei meccanismi del fashion system milanese, materializzandosi miracolosamente presso il Cavalcavia Bussa, durante la serata conclusiva della settimana della moda (19/02 al 27/02). Tutti si attendevano Serpica Naro, una stilista anglonipponica con la passione dell’underground. Ma qualcuno ha annunciato: Serpica Naro non esiste. E’ solo l’anagramma di San Precario. Una beffa nella quale sono caduti giornalisti e specialisti del settore, servizio d’ordine e digos, blog e mailinglist – Luther Blissett ha fatto scuola.
Un falso così ben concepito da risultare assolutamente credibile – non si assisteva a niente del genere dal Nike Ground Project è degli 0100101110101101.org. Un vero e proprio hack, con cui il santo ribelle/stilista NonConform ha voluto dichiarare aperta la stagione della cospirazione precaria.
La singolare biografia di Serpica Naro, le riviste e i siti che parlano di lei e del suo stile, il suo look book, i buyer, l’ufficio stampa, lo show room, l’ufficio di corrispondenza a Tokyo. Tutto architettato per accedere al circuito ufficiale “Milano Moda Donna”. Così ben realizzato da sedurre e affascinare persino la Camera della Moda che ha infatti concesso, senza esitare, tutti i permessi necessari. E questo è stato solo l’inizio. Affinché non vi fosse il benché minimo sospetto riguardo alla vera identità della stilista e i media si accorgessero proprio di lei tra la marea (100 da tutto il mondo) di altri brand, si è fatto in modo che San Precario e gay le fossero contro. Questa “contrapposizione contestativa” così è definita nella cartella stampa messa a disposizione in rete – l’avrebbe resa certamente unica, inconfondibile, e degna di attenzione. A due notizie l’onore di scatenare la mobilitazione dei precari (ovviamente fittizia) e le proteste e i comunicati polemici dei gay (assolutamente reali). Una, vera ma provocatoria: Serpica Naro avrebbe sfilato all’interno di un centro sociale – che già di per sé è un fatto eccezionale. L’altra, falsa ma scabrosa: nel 2001 la stilista si sarebbe finta attivista gay solo per usare le immagini di alcuni membri della comunità omosessuale giapponese a fini pubblicitari.

Alla sfilata, come ampiamente previsto, c’erano tanti curiosi, giornalisti e telecamere. Non c’era la tanto attesa stilista ma i suoi capi in perfetto stile Serpica Naro hanno sfilato lo stesso al grido di “we are not low class, we are not high class, we are the new class”.
Sulle passerelle della Pergola, 8 modelli “che rappresentano con sarcasmo alcuni aspetti della precarietà”. Abiti che nascondono la maternità per non essere licenziate, gonne anti-mano morta piene di trappole per topi, minigonne sexy per fare carriera più in fretta, abiti da sposa per donne senza cittadinanza italiana, perché l’unico modo per averla è sposare un italiano; tute da lavoro che nascondono il pigiama, per essere sempre pronti a lavorare notte e giorno, abiti double face per chi fa due lavori e quelli antistress per quando sei sfinito dalla fatica, le magliette con il numero di giorni che mancano al licenziamento. Per finire le ”vere produzioni di chi lavora come precario del textil design ma schifa i circuiti ufficiali della moda”: i modelli autoprodotti della linea londinese Sailor Mars, la “Industrial Couture” milanese, la collezione spagnola di Yo Mango. Veramente spettacolare…
” San precario non è una icona ma una relazione”, ha dichiarato una precaria della moda e dello spettacolo. Che anche il suo avatar lo fosse è risultato chiaro già alla sfilata. Ma quello era solo un assaggio. Come nelle intenzioni di chi ha ideato tutto questo, all’inizio solo per gioco, Serpica Naro diventerà un brand aperto a nuove forme di cooperazione – il logo già esiste ed anche il marchio è stato registrato -, un l(u)ogo di reti di autoproduzioni tessili, di condivisione dei saperi, di creatività e immaginario di contrapposizione alla moda.
I materiali saranno tutti raccolti nel laboratorio/sito ufficiale della finta stilista, a condizione di essere “open source”, come il software Linux, cioè copiabile e riproducibile. Tutti quelli che si riconosceranno in questo metabrand, potranno firmarsi Serpica Naro, proprio come accadeva con l’identità collettiva di Luther Blissett.


Pura arte marziale: usare la forza (e l’imbecillità) del nemico rivolgendogliela contro  (Luther Blissett)
L’ultimo miracolo di San Precario ha proprio tutto quel che serve per essere considerato un hack, uno di quelli che non necessitano di particolari conoscenze tecniche informatiche, perché come facevano notare tempo fa gli 0100101110101101.org, l’epoca dell’hardware e del software è finita da un bel pezzo. Nell’epoca dell’infoware vi sono altri modi efficaci ma soprattutto “non convenzionali” per trasmettere le proprie idee. To hack, inteso nel suo significato di “aprire” e “dissezionare”, in effetti, è proprio questo: una soluzione “non convenzionale”.
Come spiegava Florian Cramer in una vecchia intervista, qualcosa di molto simile a “un trucco, veloce e sporco, ma che funziona perfettamente” (se non hai un telecomando puoi usare un manico di scopa), oppure al “lavoro di un genio” (ottenere con 10 linee di codice ciò che un altro ottiene con 100). Serpica Naro è entrambe le cose. Ed è soprattutto “geniale” perché dimostra che chi è pagato 5 euro l’ora può fare concorrenza a chi guadagna cifre gigantesche; può realizzare con poche migliaia di euro e in poco più di tre settimane, ciò che i grandi marchi realizzano in molto più tempo e spendendo milioni di euro; che “quello che lo sfiancato fashion system impiega mesi a prendere dalla strada, la strada lo produce ridendo e scherzando in poche ore” (S. Messina).
Per quanto un sistema sia inattaccabile, ha un tallone d’Achille. Per mettere in crisi un sistema, si possono ritorcere contro di esso i suoi stessi procedimenti. Questi sono i presupposti per realizzare un buon hack. Ed infatti è sfruttando questi talloni, e Internet come cavallo di Troia, che Luther Blissett s’introduce nelle architetture mediatiche così come 0100101110101101.org in quelle del sistema dell’arte ufficiale: per sovvertirle dall’interno con le loro stesse armi. San Precario ha fatto lo stesso. Ha sfruttato “debolezze, peculiarità e caratteristiche nascoste” del sistema moda per scavalcarne e aggirarne i limiti imposti. “Ha giocato la beffa sul terreno preferito dal mondo modaiolo, la comunicazione, la provocazione, e il rovesciamento dell’immaginario con cui i grandi marchi si appropriano di linguaggi e culture dell’underground” (C. Jampaglia).



Ha costruito informazioni, le ha diffuse in maniera virale sia in piazza che in rete. Ha utilizzato il meccanismo perverso dei media per attirare l’attenzione su una stilista inesistente e così facendo ha dimostrato di conoscere molto bene anche l’arte della guerriglia mediatica che, come sosteneva Luther Blissett, ” è la realizzazione di un gioco all’inganno reciproco, una forma di cooptazione dei media in una trama impossibile da cogliere e da comprendere, una trama che fa cadere i mass media vittime della loro stessa prassi”. Il detournament e il falso, l’improbabile e l’assurdo e persino la beffa. Queste sono le tattiche comunicative “non convenzionali” più utilizzate da 0100101110101101.org e Guerriglia Marketing per ottenere il massimo della visibilità con il minimo degli sforzi e degli investimenti.
Di queste stesse tecniche si è servito anche San Precario a Milano e più o meno per gli stessi scopi, prima tra tutti ottenere la visibilità di tutti “quegli invisibili che popolano il mondo della moda e che lo rendono possibile con il loro lavoro, la loro creatività e le loro competenze” (A. M. Monteverdi). Grazie ad un falso è riuscito a superare tutti gli ostacoli di questo grande “Castello” che è la Settimana della Moda, “le sue torri d’osservazione, le sue guardie ad ogni porta”. Ha svelato beffandolo che il suo prestigio è vapore e, come se non bastasse, ne ha alterato (de-formato) il senso, attribuendogliene un altro; l’ha adattato, anche se solo per breve tempo, attraverso uno sviamento, un sabotaggio, un dirottamento (e il detournament non è altro che questo) a nuove intenzioni.
San Precario ha infatti trasformato la Settimana della Moda, da avamposto ideologico, struttura formale, rete logistica “attraverso la quale si propaganda e si favorisce un’organizzazione sociale fondata sul consumo futile e reiterato, su immaginari funzionali a valori come la competizione, l’atomizzazione dell’individuo, il superfluo e su un controllo diffuso legato a meccanismi neo medioevali”, in un luogo temporaneo di condivisione, cooperazione e relazione. Ha messo in scena una economia che funziona secondo logiche diverse, un meccanismo diverso di produzione controllato dal basso.



Ha reso quelle passerelle uno spazio di protesta creativa e propositiva: non ha solo criticato il modello dell’economia del marchio, “in nome del quale si giustificano gerarchie e strutture di potere immorali, oltre che insensate” (A.M. Monteverdi), ma ha anche proposto come alternativa il metabrand Serpica Naro.
Efficace e anche vincente, perché come sosteneva Luther Blissett: “il Multiplo ha un infinità di corpi, molti dei quali resteranno in vita nonostante la morte di alcuni altri”…





Intervista a Frankie, uno dei creatori di Serpica Naro
L'incredibile beffa di 200 precari ai signori della moda milanese
"Abbiamo creato Serpica Naro
in 7 giorni e con pochi soldi"

- Serpica Naro sono io. Anzi, siamo noi, i precari del mondo della moda che hanno creato la sedicente artista e stilista anglonipponica, una beffa riuscita in pieno contro la Settimana e la Camera della Moda. Una beffa contro tutti i meccanismi della moda, spiega Frankie del collettivo Chainworkers e di San Precario, uno dei creatori di Serpica Naro. 

A chi è venuta l'idea, soprattutto come siete riusciti a realizzarla? 
"Tra i creatori di San Precario ci sono molte persone che credono che la precarietà si possa costruire attraverso l'immaginario e il sapere. A creare Serpica Naro sono stati 200 precari che lavorano nel mondo della moda, io sono uno di loro, lavoro da anni nel mondo delle sfilate". 

Quindi 200 persone che hanno lavorato anche per queste sfilate milanesi, appena concluse? 
"Certo. Sono tutte persone come me, io ho 32 anni e mi occupo di allestimenti nella moda. Abbiamo fatto tutto quello che si fa in questi casi, e che siamo abituati a fare come precari: tramite i nostri contatti abbiamo redatto un book, creato uno stile e i buyer, allestito una redazione, messo su un ufficio stampa, lo show room. Un lavoro che evidentemente è stato apprezzato dalla Camera della Moda". 

In quanto tempo avete messo a punto tutto il lavoro? 
"In sette giorni. In tre abbiamo completato il book, e negli altri quattro abbiamo presentato in modo capillare Serpica Naro. Contemporaneamente ci siamo inseriti nella Settimana con le nostre manifestazioni di protesta: ci prendevano in giro, qualcuno diceva anche che bisognava avere pietà di noi. Quando si è scoperto di Serpica Naro, per noi è stato un momento liberatorio". 

Una di voi ha impersonato Serpica Naro? 
"No, lei ha sempre parlato attraverso l'ufficio stampa. Però in un certo senso sì: una ragazza con i tratti orientali l'ha interpretata in un video di 10-15 minuti". 

Nessuno ha mai avuto un dubbio sull'autenticità del tutto? 
"Nessun dubbio, assolutamente no. Sembra impossibile che precari che vengono pagati cinque euro l'ora possano essere sullo stesso piano, fare concorrenza a chi guadagna cifre stratosferiche. Per la settimana della Moda si sono spesi miliardi di euro". 

E voi quanto avete speso? 
"Alcune migliaia di euro. Ma non tanto per il lavoro preparatorio: il 70 per cento è stato assorbito dalle spese per la sfilata, il tendone, il riscaldamento". 

Se veniste scoperti non lavorereste più. 
"Non si potrà mai sapere chi siamo. Sarebbe stato diverso se avessimo scelto una linea di protesta di tipo sindacale, o una provocazione del tipo infrangere le vetrine. Quel momento è passato. Adesso vogliamo infrangere la vetrina dell'immagine. La moda ha vampirizzato Milano. La riduzione ai finanziamenti ai teatri dipende anche da questo: la moda ha succhiato lo spirito della cultura. Ecco, noi, in pochi giorni, e con pochissimi soldi, abbiamo fatto quello che loro fanno con ben altri mezzi. Abbiamo dimostrato che la settimana della moda evidentemente non è così prestigiosa". 


Essere fluidi come l’acqua, 
ma all’occasione colpire duro come la tibia di un pugile Thai  (Luther Blissett)
leggi anche :  





.
FAI VOLARE LA FANTASIA

NON FARTI RUBARE IL TEMPO
I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO
IL TUO FUTURO E' ADESSO . 


.

PC: Su Facebook Meglio creare un Gruppo o una Pagina



Facebook: Meglio creare un Gruppo o una Pagina?

In che modo le Pagine differiscono dai gruppi? Quale dovrei creare?

Le Pagine consentono a organizzazioni, aziende, celebrità e marchi di comunicare ampiamente con le persone a cui piacciono. Le Pagine possono essere create e gestite solo da rappresentanti ufficiali.

I gruppi rappresentano uno spazio chiuso per piccoli gruppi di persone che comunicano su interessi comuni. I gruppi possono essere creati da tutti.

Altre differenze includono: ....

PC: Su Facebook Meglio creare un Gruppo o una Pagina: Facebook: Meglio creare un Gruppo o una Pagina? In che modo le Pagine differiscono dai gruppi? Quale dovrei creare? Le Pagine conse...

 .

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.


 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP
http://mundimago.org/le_imago.html
.


.

domenica 22 febbraio 2015

Fai una Domanda ed Avrai una Risposta


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

http://www.mundimago.org/

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.
 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP


http://mundimago.org/app.html



.

.

giovedì 19 febbraio 2015

#FREEPARTY e #LEIMAGO



 IERI SERA E' VENUTA A TROVARMI UN ' AMICA CON SUA FIGLIA , 
DALLA  SVEZIA
 ERA MOLTO TEMPO CHE NON CI VEDEVAMO , QUINDI HO STAPPATO DEL VINO DOPO AVER TELEFONATO A QUALCHE AMICO , SONO SCESO IN CANTINA A PRENDERE UNA SERIE DI LUMINARIE E  MENTRE LE SIGNORE SI RINFRESCAVANO , GLI AMICI MI AIUTAVANO AD ALLESTIRE IL SALONE DI CASA CON MIXER E LUCI COLORATE , ED ECCO LA SORPRESA LE RAGAZZE SONO APPARSE CON ABITI ADATTI  PER INIZIARE LA FESTA E  CON UN BRINDISI ,,, MUSICAAA,,, SIAMO ANDATI AVANTI A BALLARE TUTTA LA NOTTE , ALTERNANDOCI AL GIOCO DELLE IMAGO  
 
ECCO LA MUSICA
Jungle 
- -


 Drum and bass 
-


  .


il caso innova e la necessità conserva.


COSI' COMINCIA L' AVVENTURA DELLE IMAGO

DURANTE LA FASE ONIRICA

MI APPARVE
UNO GNOMO
DICENDO 

" CODESTO SCRIGNO CONTIENE LE CAUSE DELLA VITA "

-
Ho creato un mazzo di carte ispiratomi dai tarocchi , mantenendo la giusta numerazione degli arcani maggiori , ma ho cambiato
l' iconografia rendendola piu' attuale al mondo che ci circonda . Pur essendo in bianco e nero sono riuscito a dare equilibrio alle immagini ed al titolo di ogni singola carta , rendendo semplicissima la lettura anche in solitario . Si possono giocare anche con amici , senza pero' abusarne potrebbero non rispondervi .
SE INTERESSATI ALL' ACQUISTO

SCRIVETEMI

NELLO SPAZIO COMMENTI
GRAZIE





.
FAI VOLARE LA FANTASIA

NON FARTI RUBARE IL TEMPO
I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO
IL TUO FUTURO E' ADESSO . 

se vuoi puoi provare la nostra
APP GRATUITA

http://www.mundimago.org/le_imago.html

del sito

http://www.mundimago.org/



martedì 17 febbraio 2015

Riflessi: DIVERTIAMOCI CON RISPARMIO



OTTIMO POST
per Preparare Costumi di Carnevale Risparmiando


Riflessi: DIVERTIAMOCI CON RISPARMIO: Ogni anno per Carnevale il solito problema del costume. Per fare bilanciare meglio i conti vediamo di realizzare qualche costume con poch...




.
FAI VOLARE LA FANTASIA
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO
IL TUO FUTURO E' ADESSO . 

.

ECOLOGIA: La Plastica nel Mare Danneggia e Modifica la Natur...

La Plastica nel Mare Danneggia e Modifica la Natura


Questa tartaruga probabilmente e' rimasta incagliata in un anello di una confezione da 6 lattine di birra quando era piccola, 
ora è per sempre strangolata nel cappio del boia plastica!

leggi anche :
L' ISOLA DI PLASTICA


ECOLOGIA: La Plastica nel Mare Danneggia e Modifica la Natur...: Questa tartaruga probabilmente e' rimasta incagliata in un anello di una confezione da 6 lattine di birra quando era piccola,  or...



.
FAI VOLARE LA FANTASIA
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO
IL TUO FUTURO E' ADESSO . 

.


.
.

lunedì 16 febbraio 2015

SALUTE - BENESSERE: Storia del Perché la Marijuana fu Proibita

Marijuana : Proibita


Storia del perché la Marijuana fu proibita

La marijuana (spagnolo), o cannabis (latino) o hemp (inglese) è una pianta che si potrebbe definire miracolosa, ed ha una storia lunga almeno quanto quella dell’umanità.

 Unica pianta che si può coltivare a qualunque latitudine, dall’Equatore alla Scandinavia, ha molteplici proprietà curative, cresce veloce, costa pochissimo da mantenere, offre un olio di ottima qualità (molto digeribile), ed ha fornito, dalle più antiche civiltà fino agli inizi del secolo scorso, circa l’80 per cento di ogni tipo di carta, di fibra tessile, e di combustibile di cui l’umanità abbia mai fatto uso.

E poi, cosa è successo???
LEGGI TUTTO .....

SALUTE - BENESSERE: Storia del Perché la Marijuana fu Proibita: Storia del perché la Marijuana fu proibita La marijuana (spagnolo), o cannabis (latino) o hemp (inglese) è una pianta che si potrebbe...



.
FAI VOLARE LA FANTASIA

NON FARTI RUBARE IL TEMPO
I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO
IL TUO FUTURO E' ADESSO . 


.

domenica 15 febbraio 2015

La Svizzera come Robin Hood



La Svizzera come Robin Hood: 
prelievo forzoso sui ricchi per aiutare i disoccupati

Dal prossimo gennaio sarà prelevato l’1% dai redditi superiori a 250mila euro dei cittadini elvetici, per ripianare il fondo che consente il pagamento della assicurazione di disoccupazione destinata a chi resta senza lavoro.

A partire da gennaio in Svizzera dai redditi superiori a 250mila euro sarà trattenuto - attraverso un prelievo forzoso – l’1 percento. Motivo? Cercare di recuperare circa 80 milioni di euro e scongiurare il crac per l’assicurazione garantita dal piccolo stato ai suoi disoccupati. Al momento il fondo per questo ammortizzatore sociale è difatti in profondo rosso: c’è un buco di ben 4 miliardi. In Svizzera il prelievo dai redditi esisteva già, ma paradossalmente non riguardava i ricchi.
 I calcoli del governo elvetico sono quelli di riportare in pareggio i conti dell’assicurazione, grazie al prelievo forzoso, nel giro di tre lustri. “Per anni la disoccupazione in Svizzera, con un tasso inferiore all’1%, non ha rappresentato un problema – si legge su Swissworld.org, il sito del Dipartimento federale degli affari esteri del Paese .
Durante la recessione degli anni ’90, tuttavia, il numero dei senza lavoro è aumentato drammaticamente, fino al tasso record del 5,7%, raggiunto nel febbraio del 1997, in seguito alle numerose ristrutturazioni aziendali che hanno comportato tagli di organico. Dalla fine degli anni ’90, grazie alla graduale ripresa dell’economia e a nuovi metodi di calcolo, il tasso di disoccupazione è sceso, fino ad assestarsi nel 2001 all’1,7%. Da allora il tasso di disoccupazione ha avuto un andamento varibile; alla fine del 2007 si aggirava intorno al 2,8%. Il tasso varia comunque secondo le regioni: nelle aree di lingua francese e italiana la disoccupazione è maggiore che nella Svizzera-tedesca. Le donne sono generalmente più colpite degli uomini e gli stranieri sono più colpiti rispetto agli svizzeri”.

.

.


PREVISIONI 2015

.

.


SESSO E ZODIACO

Conosci la personalita' di
ogni segno zodiacale
per capire la sua

SENSUALITA'

http://www.mundimago.org/zodiaco.html

.


.



LEGGI ANCHE
.


 Ecco la Pagina dei PIANETI 

del Nostro Sistema Solare 
.

.


CORPI DIPINTI: TATUAGGI Origini e Tradizioni


TATUAGGI Origini e Tradizioni



Il tatuaggio (derivato dal francese tatouage, a sua volta dal verbo tatouer, in italiano "tatuare", e questo dal termine anglosassone tattoo, adattamento del samoano tatau) è sia una tecnica di decorazione pittorica corporale dell'uomo, sia la decorazione prodotta con tale tecnica. Tradizionalmente la decorazione è destinata a durare per molto tempo, ma in tempi recenti sono state inventate tecniche per realizzare tatuaggi temporanei.


Nella sua forma più diffusa, la tecnica di questa modificazione corporea consiste nell'incidere la pelle ritardandone la cicatrizzazione con sostanze particolari (più precisamente è chiamata scarificazione) o nell'eseguire punture con l'introduzione di sostanze coloranti nelle ferite.

Il tatuaggio è stato impiegato presso moltissime culture, sia antiche che contemporanee, accompagnando l'uomo per gran parte della sua esistenza; a seconda degli ambiti in cui esso è radicato, ha potuto rappresentare sia una sorta di carta d'identità dell'individuo, che un rito di passaggio, ad esempio, all'età adulta.


Tatuaggi terapeutici sono stati ritrovati sulla Mummia del ....


CORPI DIPINTI: TATUAGGI Origini e Tradizioni: Il tatuaggio (derivato dal francese tatouage, a sua volta dal verbo tatouer, in italiano "tatuare", e questo dal termine anglo...

 .

.



PREVISIONI 2015

.



SESSO E ZODIACO

Conosci la personalita' di
ogni segno zodiacale
per capire la sua

SENSUALITA'

http://www.mundimago.org/zodiaco.html

.

.

LEGGI ANCHE
.

 Ecco la Pagina dei PIANETI 
del Nostro Sistema Solare 
.
.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

  • Perché l'olio di palma fa male - Leggere tra gli ingredienti di un alimento confezionato il nome di un olio vegetale rassicura e lascia che l'assonanza vegetale-naturale-salutare faccia ...
    2 settimane fa
  • Meglio https per il Tuo Url - *ATTENZIONE! * *Mentre sei su FB, guarda il tuo indirizzo URL in alto. * *Se vedi "http:"invece di "https:" allora tu NON hai una sessione protetta e può ...
    2 settimane fa
  • ESOPIANETI - L’annuncio della scoperta degli esopianeti è una delle notizie scientifiche più importanti degli ultimi anni. I sette nuovi esopianeti, con dimensioni p...
    3 settimane fa
  • REDDITO di INCLUSIONE - *REDDITO di INCLUSIONE: * *CHE COSA E’ e a CHI SPETTA* *Approvata una misura di sostegno alle famiglie sotto la soglia* *di povertà. A ciascun nucleo aven...
    3 settimane fa
  • Festa del Papà - *Per la Festa del Papà ,* *Fai un Regalo Intelligente,* *un Cofanetto di Legno che contiene* * il Mazzo di Nuovissime Carte Imago ,* *un Gioco Ludico ed in...
    1 mese fa
  • 8 Marzo : Giornata Internazionale dell’Operaia - *Donne in sciopero, dentro e fuori le mura domestiche* *Sarà un gran giorno, l’8 marzo 2017. Sulla base dello slogan “Se la mia vita non vale, io sciope...
    1 mese fa
  • M'illumino di meno 2017 - Il 24 febbraio 2017 torna M’illumino di Meno, tredicesima edizione. Caterpillar è in diretta dalle 18.00 alle 20.00 - RADIO RAI2 per seguire gli spegniment...
    2 mesi fa

PACE

PACE
PACE

emergency

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/