CONDIVIDI

Share

giovedì 26 febbraio 2015

Luther Blissett



Essere fluidi come l’acqua, 
ma all’occasione colpire duro come la tibia di un pugile Thai  (Luther Blissett)

Luther Blissett è uno pseudonimo collettivo utilizzato da un numero imprecisato di performer, artisti, riviste underground, operatori del virtuale e collettivi di squatter negli anni novanta.

Nel 1994, centinaia di artisti europei, attivisti e burloni adottate e condividevano la stessa identità. 
Tutti si chiamavano Luther Blissett e impostati ad aumentare l'inferno nell'industria culturale. Era un piano di cinque anni. 
Hanno lavorato insieme per raccontare al mondo una grande storia, creare una leggenda, dare vita ad un nuovo tipo di eroe popolare.

Nel gennaio 2000, alcuni dei quali raggruppati come Wu Ming . 
Quest'ultimo progetto, anche se più concentrato sulla letteratura e narrazione nel senso più stretto del termine, non è meno radicale di quello vecchio.

"Luther Blissett" è un nome multi-uso, una "reputazione aperta" informale adottato e condiviso da centinaia di artisti e attivisti sociali in tutta Europa dal estate 1994 . 
Per ragioni che rimangono sconosciute, il nome è stato preso in prestito da calciatore britannico a 1980 di origini afro-caraibiche. 
In Italia, tra il 1994 e il 1999, il cosiddetto Luther Blissett Project (una rete organizzata all'interno della comunità open condividere l'identità "Luther Blissett") divenne un fenomeno estremamente popolare, riuscendo a creare una leggenda, il . reputazione di un eroe popolare 
Questo Robin Hood dell'era dell'informazione intraprese una guerriglia sul settore culturale, ha eterodosse campagne di solidarietà per le vittime di censura e repressione e - soprattutto - organizzò elaborate beffe mediatiche come forma di arte, rivendicando sempre responsabilità e spiegando che cosa bug che avevano sfruttato per piantare una storia falsa. 
Blissett era attivo anche in altri paesi, soprattutto in Spagna e in Germania. dicembre 1999 ha segnato la fine del piano quinquennale del LBP. Tutti i "veterani" hanno commesso un simbolico seppuku (il suicidio rituale dei samurai). La fine del LBP non ha comportato la fine del nome, che continua a ri-emergente nel dibattito culturale ed è ancora un sottotitolo popolare sul web.

Selezione di Luther Blissett Pranks

Media bufale di Luther Blissett erano affollate di artisti immaginari, perché il mondo dell'arte è piena di persone ingenue e rende un bersaglio perfetto.

Gennaio 1995 . HARRY KIPPER , un artista concettuale inglese, scompare al confine italo-jugoslavo durante il tour in Europa in mountain bike, presumibilmente con l'obiettivo di tracciare la parola 'ART' sulla mappa del continente. La vittima della beffa è un famoso persone scomparse in prima serata sulla televisione di stato italiana. Mandano un equipaggio e sperperare i soldi dei contribuenti per cercare una persona che non è mai esistito. Vanno fino a Londra e fare ridicoli fino "Luther Blissett" rivendica la burla.

Giugno 1995 . LOOTA è uno scimpanzé femmina i cui dipinti stanno per essere esposto alla Biennale di Venezia del Contemporary Arts. Già vittima di esperimenti sadici in un laboratorio farmaceutico, Loota è stato salvato dal Fronte di Liberazione Animale, poi è diventato un artista di talento. Alcuni giornali annunciano l'evento. Purtroppo, Loota non esiste. Nessun problema, i visitatori delusi della Biennale può rivolgere la loro attenzione a un sacco di immondizia creato dagli esseri umani.

1998-1999 . Darko Maver è scultore e la performance dell'artista serba controverso. Le sue opere sono a grandezza manichini cercano molto simile brutalizzati, mutilati, cadaveri coperti di sangue. La sua arte è l'obiettivo della censura di Stato, e ha chiuso in un carcere serbo per comportamento anti-sociale. In Italia, le immagini delle opere di Maver sono esposte a Bologna e Roma. Prestigiosi, riviste d'arte di alta della fronte pubblicano un appello di solidarietà. Alcuni critici autorevoli sostengono addirittura di conoscere l'artista di persona. Quando "Darko Maver" muore in prigione durante un bombardamento NATO, le immagini del corpo appaiono sul web. Solo, che l'uomo non è "Darko" a tutti, è un membro siciliano del LBP. La verità è rivelata un paio di settimane dopo il Seppuku. Le "opere" sono state le foto di cadaveri veri, trovati su rotten.com. E 'l'ultima grande bufala del LBP, e il debutto di un nuovo gruppo, 0100101110101101.org.

Più complessa scherzo di Luther Blissett è stato interpretato da decine di persone in Lazio, Italia centrale. E 'durato un anno, che coinvolge messe nere, satanismo, Christian cacciatori di streghe nei boschi di Viterbo e così via. I media locali e nazionali comprato tutto con senza alcuna verifica a tutti, i politici hanno saltato sul carro di paranoia di massa, c'era anche riprese video di un (piuttosto goffo) rituale satanico in onda in tv, fino Luther Blissett ha rivendicato la responsabilità per l'intera racchetta e prodotto una massa enorme di prove.

"Omeopatici contro-informazione": iniettando una forte dose di falsità nei media, Luther Blissett ha mostrato la unprofessionality della maggior parte dei giornalisti e l'infondatezza del panico morale.

Questo è accaduto in 1997 . La bufala è stato elogiato e analizzata da studiosi ed esperti di comunicazione, ed è diventato un caso di studio in numerosi testi scientifici.

Il romanzo Q

Fare ciò che è possibile, e poi andare avanti. 

Il romanzo Q è stato scritto da quattro membri basati Bologna del LBP come contributo finale al progetto, e pubblicato in Italia nel 1999. Fino ad ora, è stato tradotto in inglese, spagnolo, tedesco, olandese, francese, portoghese (brasiliano ), danese, polacco, greco, e il coreano.

Il romanzo è ambientato in Europa centrale 16 ° secolo, durante i disordini contadine e ribellioni popolari che quasi "dirottato" Riforma, prima di subire sanguinosa repressione con l'approvazione entusiastica di Lutero.

McKenzie Wark , autore di A Manifesto Hacker , ha concluso la sua recensione del romanzo, con queste osservazioni:

' Q è in qualche modo un libro ottimista ... E 'una questione di una risurrezione narrazione, dove il ritorno degli emarginati, il disempowered è ancora possibile. Un ritorno, non come vittime, ma come un diverso tipo di eroe. Il tipo di eroe che lavora in situazioni, fa ciò che è possibile, e va avanti. A Blissett Luther '.



Intervista a Frankie, uno dei creatori di Serpica Naro
L'incredibile beffa di 200 precari ai signori della moda milanese
"Abbiamo creato Serpica Naro
in 7 giorni e con pochi soldi"

- Serpica Naro sono io. Anzi, siamo noi, i precari del mondo della moda che hanno creato la sedicente artista e stilista anglonipponica, una beffa riuscita in pieno contro la Settimana e la Camera della Moda. Una beffa contro tutti i meccanismi della moda, spiega Frankie del collettivo Chainworkers e di San Precario, uno dei creatori di Serpica Naro. 

A chi è venuta l'idea, soprattutto come siete riusciti a realizzarla? 
"Tra i creatori di San Precario ci sono molte persone che credono che la precarietà si possa costruire attraverso l'immaginario e il sapere. A creare Serpica Naro sono stati 200 precari che lavorano nel mondo della moda, io sono uno di loro, lavoro da anni nel mondo delle sfilate". 

Quindi 200 persone che hanno lavorato anche per queste sfilate milanesi, appena concluse? 
"Certo. Sono tutte persone come me, io ho 32 anni e mi occupo di allestimenti nella moda. Abbiamo fatto tutto quello che si fa in questi casi, e che siamo abituati a fare come precari: tramite i nostri contatti abbiamo redatto un book, creato uno stile e i buyer, allestito una redazione, messo su un ufficio stampa, lo show room. Un lavoro che evidentemente è stato apprezzato dalla Camera della Moda". 

In quanto tempo avete messo a punto tutto il lavoro? 
"In sette giorni. In tre abbiamo completato il book, e negli altri quattro abbiamo presentato in modo capillare Serpica Naro. Contemporaneamente ci siamo inseriti nella Settimana con le nostre manifestazioni di protesta: ci prendevano in giro, qualcuno diceva anche che bisognava avere pietà di noi. Quando si è scoperto di Serpica Naro, per noi è stato un momento liberatorio". 

Una di voi ha impersonato Serpica Naro? 
"No, lei ha sempre parlato attraverso l'ufficio stampa. Però in un certo senso sì: una ragazza con i tratti orientali l'ha interpretata in un video di 10-15 minuti". 

Nessuno ha mai avuto un dubbio sull'autenticità del tutto? 
"Nessun dubbio, assolutamente no. Sembra impossibile che precari che vengono pagati cinque euro l'ora possano essere sullo stesso piano, fare concorrenza a chi guadagna cifre stratosferiche. Per la settimana della Moda si sono spesi miliardi di euro". 

E voi quanto avete speso? 
"Alcune migliaia di euro. Ma non tanto per il lavoro preparatorio: il 70 per cento è stato assorbito dalle spese per la sfilata, il tendone, il riscaldamento". 

Se veniste scoperti non lavorereste più. 
"Non si potrà mai sapere chi siamo. Sarebbe stato diverso se avessimo scelto una linea di protesta di tipo sindacale, o una provocazione del tipo infrangere le vetrine. Quel momento è passato. Adesso vogliamo infrangere la vetrina dell'immagine. La moda ha vampirizzato Milano. La riduzione ai finanziamenti ai teatri dipende anche da questo: la moda ha succhiato lo spirito della cultura. Ecco, noi, in pochi giorni, e con pochissimi soldi, abbiamo fatto quello che loro fanno con ben altri mezzi. Abbiamo dimostrato che la settimana della moda evidentemente non è così prestigiosa". 


Serpica Naro organizza laboratori, iniziative e fa ricerca sociale in particolare intorno ai concetti di proprietà intellettuale, soggettività nelle industrie creative, lavoro e precarietà nella moda.

LEGGI ANCHE :




.
FAI VOLARE LA FANTASIA

NON FARTI RUBARE IL TEMPO
I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO
IL TUO FUTURO E' ADESSO . 


.

Nessun commento:

Posta un commento

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

PACE

PACE
PACE

emergency

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/