CONDIVIDI

Share

martedì 5 maggio 2015

Italia : Peggiorata la Libertà di Stampa



È diminuita la libertà di stampa nel mondo nel 2014 La libertà di stampa nel mondo ha subìto una “regressione brutale” nel 2014. Nei due terzi dei 180 paesi controllati da Reporters sans frontières, che ha pubblicato oggi i dati, si registra un calo della libertà. L’Italia è scesa dal 49º posto alla 73ª posizione Secondo Reporters sans frontières il paese migliore per i giornalisti è la Finlandia, il peggiore l’Eritrea. L’Italia ha perso 24 posizioni, scendendo dalla 49ª alla 73ª. I dati di Rsf in una cartina interattiva.

Nel mondo e in Italia è peggiorata la libertà di stampa

. .

La libertà di stampa nel mondo ha subìto una “regressione brutale” nel 2014, conseguenza dell’azione del gruppo Stato islamico e del gruppo terroristico nigeriano Boko haram. Nei due terzi dei 180 paesi controllati la libertà ha registrato un calo. I dati sono stati pubblicati oggi da Reporters sans frontières.

La Siria è al 177° posto, dopo la Cina (176), prima del Turkmenistan (178), della Corea del Nord (179) e dell’Eritrea che è all’ultimo posto (180).

La libertà di stampa in Italia è peggiorata nel 2014. Il paese è sceso alla 73a posizione tra i 180 paesi monitorati, perdendo 24 posizioni (nel 2014 occupava il 49° posto).

Il calo della libertà registrato è dovuto agli attacchi contro i beni dei giornalisti, in particolare contro le loro automobili. I giornalisti italiani hanno subìto 43 aggressioni fisiche e sono stati segnalati 7 casi di attacchi incendiari nei primi dieci mesi del 2014. Sono aumentati anche i casi di accuse ingiustificate di diffamazione, saliti dagli 84 del 2013 ai 129 dei primi dieci mesi del 2014. La maggior parte di queste cause è stata intentata da personaggi pubblici che sono stati eletti nel paese e ciò costituisce una forma di censura. Reporters sans frontières



Amnesty accusa l’Onu di non aver protetto le vittime dei conflitti L’organizzazione internazionale ha pubblicato il suo rapporto annuale sulla situazione dei diritti umani in 160 paesi del mondo tra il 2014 e il 2015

Questo è stato un anno devastante per coloro che cercano di difendere i diritti umani e per quelli coinvolti nella sofferenza di zone di guerra.

Da Salil Shetty, Segretario generale di Amnesty International

I governi a parole l'importanza di proteggere i civili. Eppure i politici del mondo hanno fallito miseramente per proteggere i più bisognosi. Amnesty International ritiene che questo può e deve finalmente cambiare.

. .

Il diritto umanitario internazionale - la legge che regola la condotta dei conflitti armati - non potrebbe essere più chiaro. Gli attacchi non devono mai essere diretti contro i civili. Il principio della distinzione tra civili e combattenti è una garanzia fondamentale per le persone coinvolti negli orrori della guerra.

Eppure, di volta in volta, i civili sostenuto il peso in conflitto. In che segna il 20 ° anniversario del genocidio ruandese anno, i politici più volte calpestati norme a tutela della popolazione civile - o guardavano lontano dalle violazioni mortali di tali norme commesse da altri.

leggi tutto : https://www.amnesty.org/en/annual-report-201415/


.




GUARDA ANCHE

DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA
http://www.mundimago.org/
FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.




 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP
http://mundimago.org/app.html
.




.

Nessun commento:

Posta un commento

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/

Google+ Followers

PACE

PACE
PACE

emergency