CONDIVIDI

Share

martedì 29 settembre 2015

Cancellate le False Visualizzazioni su YouTube


YouTube cancella le false visualizzazioni
I canali ufficiali di alcune major discografiche sarebbero stati pompati con trucchetti non autorizzati dalla piattaforma di video sharing. Con un colpo di spugna il Tubo purga oltre 2 miliardi dal contatore delle visite.
 Mentre il tormentone asiatico Gangnam guadagna un miliardo di visualizzazioni in tutto il mondo, le major discografiche Universal Music e Sony Music crollano all'improvviso sulla gigantesca piattaforma di video sharing YouTube. I canali ufficiali delle due grandi etichette hanno perso un totale di circa 2 miliardi di visualizzazioni.

Nessun bug o malfunzionamento dei contatori del portalone di Google. Sono stati gli stessi tecnici di YouTube a punire le major, con misure drastiche di riduzione nel numero complessivo delle visualizzazioni da parte degli utenti. In un solo giorno, il canale ufficiale di Sony/BMG ha perso più di 850 milioni di visualizzazioni.

Ma cosa ha portato il Tubo a queste sorprendenti pulizie natalizie? Sul forum Black Hat World - dove gli utenti possono scambiarsi trucchetti e strategie più...


SEMBRA CHE ANCHE IL TRAFFICO
 pubblicitario sia gonfiato dai Robot
Traffico gonfiato, una piaga per l'advertising online Nuove analisi confermano il largo impiego di soluzioni per simulare le visualizzazioni. Comunque monetizzate dei servizi di advertising.


Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

domenica 27 settembre 2015

l’America è la Vera Minaccia per il Mondo



Oliver Stone: dimenticate l’ISIS, è l’America la vera minaccia per il mondo

Abbiamo destabilizzato il Medio Oriente, creato il caos. 
E poi diamo la colpa all’ISIS per il caos che abbiamo creato”.

Molta gente pensava che i giorni in cui Oliver Stone scalava le classifice fossero finiti. Molte persone si sbagliavano. Il suo libro del 2012 e la serie TV, “The Untold History of the United States”, suggeriscono che il regista rinnova gli sforzi per sfidare la narrazione tradizionale per quanto riguarda l’eccezionalismo americano, l’imperialismo economico e il “coinvolgimento nefasto” del governo americano in Medio Oriente, si legge su TheAntiMedia.org.
A completare la serie di documentari in 10 parti e le 750 pagina del libro, Stone ha collaborato con lo studioso della Seconda Guerra Mondiale, Peter Kuznick. Il regista sostiene che nel valutare la storia americana dal 1930, è il coinvolgimento americano in Medio Oriente che in realtà ha catturato la sua attenzione.
“Abbiamo destabilizzato l’intera regione, creato il caos. E poi diamo la colpa all’ISIS per il caos che abbiamo creato“, ha detto Stone.
Secondo Stone, il ruolo destabilizzante del governo degli Stati Uniti in realtà risale a ben oltre l’ISIS. La sua nuova serie individua momenti di intrusione americana nella regione nel lontano 1930 e lo segue fino al colpo di stato iraniano appoggiato dalla CIA nel 1953, il supporto per i militanti in Afghanistan in funzione anti-Unione Sovietica nel 1980, l’invasione dell’Iraq di George HW Bush del 1990, e gli sforzi attuali in Iran, Siria e altri paesi.

L’ultimo episodio della serie “The Untold History of the United States” si intitola“Bush e Obama: Age of Terror”. Vengono trattati i seguenti argomenti:
Il Progetto per un Nuovo Secolo Americano, un think tank neoconservatore che ha invocato un evento come Pearl Harbor che faccia da catalizzare per l’azione militare in Medio Oriente
La tirannia di neoconservatori che ha spinto gli Usa in guerra con l’Iraq usando un’intelligence difettosa
Il Patriot Act, che ha spogliato gli americani di una vasta gamma di libertà civili, mentre ha legalizzato un nuovo stato di sorveglianza
Il lavaggio del cervello nazionalista e l’allarmismo per la guerra al terrorismo
Invadere l’Afghanistan per sconfiggere alcuni degli stessi terroristi che gli Stati Uniti hanno armato e addestrato due decenni prima
Tattiche di tortura e interrogatori incostituzionali a Guantanamo
Il lavoro dei media tradizionali a favore della guerra attraverso la propaganda e la collusione delle imprese.
Obama che si è svenduto a JP Morgan Chase, Goldman Sachs, Citigroup, General Electric, e Big Pharma.
Il piano di salvataggio finanziario da 700 miliardi di dollari pagato da lavoratori, pensionati, proprietari di case, piccoli imprenditori, e gli studenti con prestiti.
L’aumento dei compensi per i CEO in mezzo al crollo della classe media.
Il fallimento di Obama nell’offrire speranza, cambiamento, o la trasparenza, la persecuzione di informatori del governo. Anche se ha ripudiato l’unilateralismo di Bush, ha raddoppiato le truppe e, secondo Stone, “manca del coraggio di un John F. Kennedy ”.

Gli attacchi dei droni di Obama su Afghanistan, Iraq, Pakistan, Yemen, Libia e Somalia (che include una clip sulle sue parole alle truppe: “A differenza dei vecchi imperi, non facciamo questi sacrifici per territori o per le risorse … .Noi lo facciamo perché è giusto. ”
Stone dice che la sua serie di documentari è un approccio alternativo alla storia americana, e spera di combattere il “crimine educativo” di esporre gli scolari di oggi alla propaganda dei libri di testo e programmi televisivi.
Su questa nota, Stone non usa mezzi termini:
“Non siamo in pericolo. Noi siamo la minaccia. “


LEGGI ANCHE

http://cipiri.blogspot.it/2015/09/cara-america-smettila-di-esportare.html



Eastwood: 
“Cara America, smettila di esportare democrazia, 
era meglio tenersi Saddam e Gheddafi”

Clint Eastwood non cessa mai di sorprendere. Questo repubblicano sui generis, idolo dei conservatori americani ma spesso eterodosso su molti aspetti dell’ideologia della destra statunitense, ha
ultimamente espresso diverse critiche alla politica estera di Washington....



Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

Volkswagen, Truffa ai Tempi di Hitler



 Volkswagen, quella prima truffa ai tempi di Hitler
Nel 1938 venne promessa un’auto a milioni di tedeschi per 5 marchi alla settimana, ma nessuno vide mai ciò per cui aveva pagato (eccetto Hitler)

Anche l’inizio della Volkswagen è segnata da una vicenda poco edificante, per non dire di peggio. Migliaia di tedeschi pagarono buona parte del prezzo dell’auto ma non videro mai la loro vettura. Con lo scoppio della guerra la fabbrica creata per costruire “l’auto del popolo” che avrebbe dovuto motorizzare la Germania (fino ad allora solo un tedesco su 50 aveva un’automobile) venne riconvertita alla produzione militare e i clienti rimasero con in mano un pugno di mosche. La fabbrica era stata inaugurata da Adolf Hitler nel 1938 e, su iniziativa di Ferdinand Porsche, aveva in progetto di realizzare l’antesignana del Maggiolino.


«Un’auto capace di portare due adulti e due bambini a cento chilometri l’ora», aveva ordinato il Führer. La Volkswagen, da costruire in almeno un milione di esemplari, sarebbe costata 990 marchi e la gente l’avrebbe pagata con uno schema di risparmio settimanale:«Funf Mark die Woche musst du sparen, willst du im eigenen Wagen fahren», Cinque marchi alla settimana devi risparmiare se la tua macchina vuoi guidare. Gli acquirenti avevano in mano un libretto sul quale venivano attaccati i buoni che certificavano i versamenti. Si iscrissero più di trecentomila tedeschi, che pagarono regolarmente le loro quote. Con il 1939 e l’invasione della Polonia, i programmi della fabbrica cambiarono. Si iniziarono a produrre (in buona parte grazie al lavoro degli schiavi prelevati dai campi di concentramento) le Kübelwagen, vetturette militari che la Wehrmacht usò su tutti I fronti. Nessuno vide mai una Volkswagen, a parte Hitler al quale prima della guerra ne venne consegnato un prototipo in una cerimonia ripresa dai cinegiornali. Agli acquirenti rimasero solo i libretti con sopra attaccati i buoni pagati.

Volkswagen, ecco cosa deve fare chi ha uno dei modelli incriminati
Gli automobilisti in possesso di un’auto con motore 2.0 diesel Tdi (chiamato EA 189) immatricolata prima del 1 settembre 2015, riceveranno una lettera di richiamo. 
In concessionaria la centralina verrà “ripulita” e l’auto restituita.

Il complotto Volkswagen

L’affaire Volkswagen diventa sempre più complicato. Il laboratorio tedesco che ha scoperto la truffa VW si è dato  molto da fare: è andato in America a comperare le auto, e poi ha fatto i suoi esami. Con i risultati che sappiamo. E già questo solleva un certo  sospetto. Si tratta di un ente no-profit che probabilmente non nuota nell’oro, ma ha trovato i mezzi per fare quello che poi si è  visto. Legittimo ilo sospetto chenduietro9 ci possa essere qualsiasi cosa: guerra interna alla VW, guerra fra marchi, guerra Usa-Germania.

Qualcuno fa anche notare che... CONTINUA A LEGGERE QUI



Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

Superluna, la Nasa Spiega l'Eclissi del 28 settembre


Eclissi del 28 settembre 2015: ecco la "super Luna rossa"

L'evento visibile anche in Italia nella notte tra domenica 27 e lunedì 28 settembre. Per ammirare il fenomeno non saranno necessari strumenti particolari: basterà guardare verso ovest a occhio nudo




Sarà una delle più belle eclissi totali di Luna degli ultimi anni. È stata già ribattezzata "Blood moon eclipse", l'eclissi totale della Superluna - che per un effetto ottico apparirà rossa come il sangue - e promette di dare spettacolo nel cielo della notte tra domenica 27 e lunedì 28 settembre 2015.

L'evento, visibile anche in Italia, durerà circa un'ora e mezza e ne beneficeranno soprattutto i nottambuli: il clou, infatti, si raggiungerà tra le 4 e le 5 e mezza del mattino, circa novanta minuti in cui sarà possibile ammirare l'eclissi in tutta la...



Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

sabato 26 settembre 2015

Omofobia è una Malattia da Curare



Omofobia una Malattia da Curare
Uno studio coordinato di tre università (Firenze, L'Aquila e Roma) e pubblicato su "The Journal of Sexual Medicine" mostra che gli atteggiamenti omofobi sono favoriti da tratti psicotici e da generali atteggiamenti di rabbia e ostilità. E' l'omofobo dunque, e non l'omosessuale, la persona affetta da patalogia.

Per secoli si è discusso se l’omosessualità fosse...



Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

venerdì 25 settembre 2015

Danni Sessuali per le Scelte di Mussolini



Danni Sessuali per le Scelte di Mussolini

l'italia sta ancora Pagando caro per COLPA del DUCE

L’esercito alleato si trovava di fronte alla linea Gustav, una catena umana che tagliava in due parti la
nostra penisola, dal tirreno all’adriatico, voluta da Hitler e Mussolini ( prima di scappare verso la
Svizzera , travestito da soldato Tedesco con tutto l'ORO in una colonna formata da 20 cammion ) per
fermare l'avanzata degli Americani.

I continui attacchi frontali delle forze alleate alla retroguardia Tedesca, si rivelarono subito infruttuosi e superflui, si decise allora di aggirare la linea nemica e questo compito fu dato dal Gen. Clark,
comandante della V armata americana, al Gen. Juin comandante franco-algerino delle truppe francesi
(Goumiers) ; ciò perché questi ultimi avevano una maggiore predisposizione al combattimento in un
territorio montano pieno di Rifugi naturali , Grotte e Boscaglia , all'interno della Quale si nascondevano Cannoni e Mitragliatrici che Bloccavano l'esercito Americano.

Il comandante francese Juin per incentivare e caricare le sue truppe prima della battaglia contro i Tedeschi ed i residui delle Forze Armate di Mussolini, pronunciò il seguente discorso:

“Soldati! Questa volta non è solo la libertà delle vostre terre che vi offro se vincerete questa battaglia. Alle spalle del nemico vi sono donne, case, c'è un vino tra i migliori del mondo, c'è dell'oro. Tutto ciò sarà vostro se vincerete. 
Dovrete uccidere i tedeschi fino all’ultimo uomo e passare ad ogni costo. 
Quello che vi ho detto e promesso mantengo. 
Per cinquanta ore sarete i padroni assoluti di ciò che 
troverete al di là del nemico. 
Nessuno vi punirà per ciò che farete, nessuno vi chiederà conto di ciò che prenderete…”



Violentata a 27 anni e ora risarcita completamente. Ma ormai ha quasi 100 anni. È la storia di una
donna che subì uno stupro durante la Seconda guerra mondiale e alla quale la Corte dei Conti ha
riconosciuto, in una recente sentenza, il diritto ad essere risarcita dallo Stato italiano per i danni morali sofferti. Della signora è riportato solo il codice fiscale, per ovvi motivi di riservatezza. Se ne ricava il nome: Rosa. Ma tra le righe della sentenza d’appello si rivedono gli orrori di una pagina nera della Liberazione, 71 anni fa. E l’avvocato Giulio Guarnacci conferma: “Sì, la mia assistita subì violenza carnale in quelle tragiche circostanze che sono passate alla storia con il nome di “marocchinate”. Brutta ma esplicita definizione per indicare la furia delle truppe coloniali nord-africane agli ordini del generale francese Alphonse Juin, che dopo aver fatto arretrare i tedeschi ottennero in premio carta bianca per qualsiasi tipo di violenza.

Era il maggio del 1944 e diversi paesi del basso Lazio, che attendevano gli americani liberatori, vissero  l’incubo dei 7.000 goumiers (organizzati in “goums”, gruppi da una settantina di uomini) che rubarono, ammazzarono, distrussero, violentarono. Uno stupro di massa che segnò e distrusse la vita di 3.000-3.500 donne e minorenni, secondo le stime più attendibili. E molti uomini che tentavano di proteggere le loro mogli e figlie vennero sodomizzati e uccisi. Un prete, don Alberto Terrilli, parroco di Santa Maria di Esperia, aveva nascosto alcune donne in sagrestia ma fu scoperto e per questo violentato in piazza.

Pochi giorni dopo morì. Sifilide, gonorrea e altre malattie a trasmissione sessuale contagiarono migliaia di persone.Rosa aveva 27 anni quando il 22 di maggio 1944 fu stuprata, oggi ne ha 98. Molte donne rimasero in silenzio per anni e molti figli nacquero dalle violenze. Su queste vicende Alberto Moravia scrisse il romanzo La Ciociara dal quale Vittorio De Sica ne trasse un film. La ragion di Stato (Italia, alleata dei nazisti, uscita perdente dalla guerra e Francia vincente) tenne a lungo coperte le atrocità subite da quei paesi della Ciociaria ai piedi dei monti Aurunci tra il 12 e il 27 maggio del’44. Pochi anni dopo partirono le battaglie legali per ottenere i risarcimenti. E lo Stato italiano utilizzò in parte il plafond dovuto alla Francia per le riparazioni di guerra. Rosa venne ricoverata in ospedale alcuni mesi dopo la violenza e negli anni subirà poi una serie di interventi chirurgici. Nel 1992 le riconoscono la pensione di guerra di ottava categoria “per l’infermità ‘stato nevrostico’ contratta a seguito della violenza carnale subita in epoca bellica”. Ma gli avvocati della signora Rosa fanno un passo ulteriore: chiedono, sempre nel ‘92,

la liquidazione del danno non patrimoniale sulla base di una sentenza della Corte Costituzionale del
1987. Affermava la Corte che “la violenza carnale comporta ... la lesione di fondamentali valori di libertà e dignità̀ della persona ... e la loro riparazione è doverosa”. Dunque dichiarava illegittime tutte le norme, allora vigenti, che nell’ambito del trattamento pensionistico di guerra non prevedevano un indennizzo per i danni non patrimoniali “patiti dalle vittime di violenze carnali consumate in occasione di fatti bellici”.

Tra domande, impugnazioni e appelli la vicenda si trascina dal 1992, quando la signora aveva “appena” 75 anni, fino al 2015 quando ormai è alle soglie dei 100. E quando trova un ultimo giudice, la “Corte dei Conti sezione prima giurisdizionale centrale” che, respingendo l’appello, per motivi di diritto, del ministero dell’Economia, conferma l’indennizzo dei danni morali. Così la pensione di guerra della signora ciociara passa ora dall’ottava alla quarta categoria (si stanno facendo i conteggi per stabilire la cifra precisa). Il ministero, tuttavia, ha ottenuto ragione sulle modalità di calcolo degli interessi. Ma a 98 anni, dopo una vita segnata da quei giorni di terrore.

Che ricordino questa vicenda
 i nuovi fascisti del terzo millennio

DEDICATO A MISS ITALIA 2015

http://cipiri.blogspot.it/2015/09/miss-italia-2015.html



Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

giovedì 24 settembre 2015

Whatsapp Sotto Attacco Virus



Vi arriverà tramite WhatsApp ed è un virus che vi ruba i dati, state attenti, avvisate tutti.


Whatsapp continua ad essere pesantemente sotto attacco.

Un nuovo virus sta girando in rete in questi giorni, e rischia seriamente di “rapire” il nostro profilo.

Il dispositivo viene bloccato e ci viene impedito di accedere alle nostre foto ed ai nostri video.

L’unico modo per evitare questo rischio è non aprire assolutamente il messaggio che riceviamo, cancellare il 

Fare molta attenzione in caso si riceva questo messaggio in chat:

“Congratulazioni, il tuo numero di telefono +39XXXXXXXXXX è stato selezionato casualmente come dispositivo mobile...

CONTINUA A LEGGERE



Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

PADRE PIO il Santo Imbroglione



PADRE PIO: IL SANTO IMPOSTORE

“Le stigmate sono superficiali e presentano un alone del colore caratteristico della tintura di jodio. Capziosa e artifiziosa mi sembrò la spiegazione della presenza nella cella (di padre Pio) di una bottiglia di acido fenico commerciale nero (ricorda il colore delle stigmate) che secondo il frate guardiano padre Pio verserebbe per attutire, a scopo di umiltà, il suo odore di santità”
Relazione del dott. Vincenzo Tangaro “Il Mattino”, Napoli, 30.6.1919
“Possiamo pensare che le lesioni descritte siano cominciate come prodotti patologici (neurosi, necrosi multipla della cute) e siano state inconsciamente e per un fenomeno di suggestione completate nella loro simmetria e mantenute artificialmente con un mezzo chimico, per esempio la tintura di jodio. Ho notato una pigmentazione bruna dovuta alla tintura di jodio. E’ noto che la tintura di jodio vecchia, per l’acido joridrico che sviluppa, 
diventa fortemente irritante e caustica”
Relazione del Prof. Amico Bignami, ordinario di Patologia alla Regia Università di Roma, incaricato dal “santo uffizio” di esaminare le stigmate di padre Pio, luglio 1919.



Padre Pio, al secolo Francesco Forgione, nacque il 25 maggio 1887 a Pietralcina da due contadini cattolici... 






Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

mercoledì 23 settembre 2015

Mafia e Ambiente in Lombardia il Primato della Corruzione



"Tangentopoli 2.0": in Lombardia la mafia fa affari sui rifiuti

Gli affari sporchi si fanno sul traffico dei rifiuti pericolosi e sugli appalti truccati o inesistenti, anche e soprattutto nel Nord Italia. I dati sulla "Green Corruption" diffusi dal Legambiente fotografano una situazione per nulla invidiabile e regalano alla nostra regione un poco ambito primato. Con 31 indagini, 325 arresti e 126 denunce la Lombardia è la regione più corrotta dello Stivale. Seguono a ruota la Sicilia e la Campania.

La criminalità organizzata punta sull' ecomafia e sull'ambiente, un fenomeno che l'associazione ambientalista definisce "Tangentopoli 2.0". La corruzione dilaga soprattutto nel settore degli appalti pubblici. I numeri fanno davvero impressione: quasi 2 miliardi di soldi pubblici sono finiti nelle tasche sbagliate e 1/3 degli appalti monitorati dalla Guardia di Finanza risultano irregolari.  

Ad approfindire l'indagine ci ha pensato l’Anac (Autorità nazionale anticorruzione); stando a quanto riferito dal presidente Raffaele Cantone il 60% dei comuni non ricorrerebbe più al sistema dei bandi pubblici per l'assegnazione degli appalti. La burocrazia, ovviamente, si snellisce e i tempi si abbreviano, ma l'affidamento diretto dei lavori è più permeabile alla corruzione.

„Il quadro generale rispecchia quanto fin qui detto: i reati nel settore dei rifiuti segnano + 26%; in aumento anche le infrazioni nel settore agroalimentare e nel racket degli animali.“

I RIFIUTI IN ITALIA SONO UN DRAMMA
ALL'ESTERO LI TRASFORMANO IN ORO
LEGGI
http://cipiri6.blogspot.it/2013/10/i-rifiuti-allestero-sono-un-business-in.html



Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

Miss Italia 2015


ECCO LE MIE MISS ITALIA


Franca Lanzone, Luigia Comotto, Paola Garelli,

la bellezza della Resistenza

Tra le “cose belle” che la nostra città ha, c’è anche una Medaglia d’Oro al Valor Militare per quanto compiuto dalla popolazione nel corso della Resistenza. “Non valsero a frenare lo slancio generoso né la precarietà di mezzi, né la preponderanza delle forze avversarie, né la barbarie a cui queste ispirarono la loro spietata opera di repressione con arresti in massa, deportazioni, torture, fucilazioni, massacri di innocenti e distruzioni” si legge, tra l’altro, nella motivazione del conferimento di questa onorificenza.

Eppure, anche a Savona, dovevamo aspettarcelo. Dopo la retorica sui “ragazzi di Salò”, che accomunava caduti partigiani e fascisti in nome del motto “i morti son tutti uguali”, è arrivata l’ora dell’altra metà del cielo… nero. Il tentativo di sdoganamento riguarda le donne della Repubblica di Salò. Giovani e giovanissime collaborazioniste che, con le loro delazioni, avviavano i “ribelli” verso un destino di atrocità e sofferenze, oppure ausiliarie delle forze armate della R.S.I., il cui unico scopo era supportare gli oppressori.

Tutto va bene, nel calderone di questi storici della domenica, appassionati della ricerca finalizzata alla distorsione della verità, che poi è una sola: le “rese dei conti” che si fanno alla fine di una guerra di Liberazione (contro un oppressore straniero valentemente aiutato da una fetta di italiani) sono sempre sempre e, ahimé, per forza di cose, sanguinose.

In occasione del settantesimo anniversario della Liberazione, pare forse più giusto ricordare quelle donne e quegli uomini che ci hanno permesso di vivere una vita libera e non sotto il giogo nazista. Tra tutte le partigiane e le antifasciste savonesi ne ricorderemo tre, come simbolo di tutte le altre: Franca Lanzone, Paola Garelli e Luigia Comotto, fucilate per rappresaglia il 1° novembre 1944 sulla fortezza del Priamar. Tre donne di 25, 28 e 68 anni.

Le loro colpe? Eccole, nelle carte dei repubblichini.

Paola Garelli,colpevole di appartenere a una organizzazione antinazionale, ingaggiatrice di elementi femminili a fini cospirativi, distributrice di manifestini sobillatori, colpevole di disarmo di militari e incitamento alla diserzione.

Franca Lanzone, colpevole di appartenenza a organizzazione cospirativa di propaganda anti italiana, di incitamento alla diserzione di tre soldati repubblicani.

Luigia Comotto, colpevole di favoreggiamento all’assassinio di un Ufficiale Superiore repubblicano.

La rappresaglia scattò dopo l’uccisione di un ufficiale della R.S.I. in via dei Mille, a Savona. In un primo tempo il dito venne addirittura puntato contro i vigili del fuoco, dalla cui caserma sembravano essere partiti i colpi, in un secondo tempo venne individuato come possibile luogo di appostamento del cecchino una delle case poste ai piani alti della via, tra cui quella della Comotto. L’anziana, benchè conoscesse il nome dello sparatore, nonostante le sevizie, nel corso degli interrogatori oppose sempre uno strenuo silenzio, pronunciando una sola frase: “Sono vecchia, non servo a niente, invece i nomi dei giovani che cercate servono alla libertà e non sarò io a dirveli. Fate quello che volete, io non parlerò”.

A queste donne deve andare oggi il nostro pensiero e la nostra gratitudine. Non a quelle giovani che si unirono all’oppressore nazifascista e, per la loro scelta – loro e di nessun altro, si badi! – pagarono a prezzo della loro vita. A queste riserviamo la pietà per i morti, dovuta ad ogni essere umano.



il, 25 aprile 2015, noi non dimentichiamo, anche attraverso la poesia di Elena Bono dedicata a Luigia Comotto:



Per Luigina Comotto, savonese

Fucilata a settant’anni.

Il tuo mucchietto d’ossa insanguinate.

Per salvare quei giovani

non hai rinunciato alla vita

ma alla tua morte

la dolce morte da tanto tempo aspettata.

Un giorno doveva venire

col velo nero

ed il viso di cera

della Donna dei Sette Dolori

e sedertisi accanto

sospirando e pregando insieme,

la buona morte odorosa d’incenso

nella stanzetta ordinata

tutto uno specchio

in un brillio di candele,

i garofani sparsi sul letto

e le vicine intorno

a recitare il rosario

con tintinnio di corone,

ora l’una ora l’altra che dice

asciugandosi gli occhi:

– Com’è rimasta bene,

pare quand’era ragazza.-

Quest’altra morte tu

non la conosci,

la strana morte col casco d’acciaio

e la bestemmia fra i denti,

il furgone cellulare

coll’urlo della sirena,

il poligono di tiro,

in fondo là il muro;

tu non sai come metterti

che cosa fare

se puoi aggiustarti le vesti

farti un segno di croce.

Troppo tardi queste cose per impararle,

e che diranno le tue vicine,

morire una morte così

da scomunicati.

Eppure anche Nostro Signore

qualche donna l’ha avuta sotto la croce.

Oh Madre dei Sette Dolori

morire una morte così

tutta diversa.

Ma non vorresti sbagliare.

Con un dito tremante

sfiori la manica del graduato,

che per favore scusi

che cosa bisogna fare.

– Tu niente. Soltanto morire, –

ride il casco d’acciaio.

E ride il plotone allineato.



ECCO LA MAMMA DI MISS ITALIA 2015 CHE DICE
Chiamatela pure “raccomandata” oppure limitatevi a darla della “capra”, se questo è ciò che vi rende felici oltreché potenti mostri del web. Alice S., eletta Miss Italia 2015, è il trending topic delle ultime 48 ore, per la sua contestata performance in televisione che ha notevolmente infastidito gli internauti più saccenti e spietati. A poche ore dall‘intervista pubblicata su U.Post, è F. F., la mamma di Alice, a voler rispondere alle critiche provenienti dai social e dai giornali. E lo fa con voce straziata dal pianto, a tratti rabbiosa per il caos che si è scatenato nelle ultime ore e che l’ha colpita dritta al cuore. “C’è modo e modo di accanirsi. Alice l’ha presa malissimo, perché essere attaccata è normale e sarebbe successo anche se avesse detto la cosa più intelligente del mondo. 
Ma ha Risposto alla Domanda :
In quale periodo storico avreste voluto vivere? 
la neo Miss ha risposto 'Nel 1942, al tempo della guerra. 
Tanto io sono donna e sarei stata a casa'. 
ANNA FRANK cosa ti avrebbe sussurrato ?
questo post è
DEDICATO A MISS ITALIA 2015
ed a tutti i fascistidelterzomillennio
http://cipiri.blogspot.it/2015/09/danni-sessuali-per-le-scelte-di.html



Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

martedì 22 settembre 2015

Amore Blog : Banner , Gif , Imago





BLOG AMORE


LA STORIA DI ADAMO ED EVA


GLI UOMINI CON LA BARBA SONO PIU' SEXY 


LE DONNE SI INNAMORANO 
UNA SOLA VOLTA NELLA VITA
MENTRE GLI UOMINI .... 
http://cipiri8.blogspot.it/2015/09/le-donne-si-innamorano-1-sola-volta.html


PERCHE' SCOPPIA IL DIVORZIO ...


GLI UOMINI CERCANO DONNE BASSE PERCHE' ...


LE DONNE CERCANO GLI UOMINI ALTI PERCHE'...



PERCHE' LE DONNE SI INNAMORANO
 DI UN UOMO BASTARD...



PERCHE' L'UOMO DIMENTICA SEMPRE LE RICORRENZE ...




 AMORE


STORIE DI COPPIE



Abbiamo creato un SITO
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE


NON SI SCARICA NIENTE
TUTTO GRATIS


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/

Google+ Followers

PACE

PACE
PACE

emergency