loading...

CONDIVIDI

Share

martedì 27 marzo 2018

Lega e M5s: Prove Tecniche di Fallimento



Nell’immediatezza del loro indubbio successo nell’elezione dei presidenti delle Camere, Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno iniziato a scambiarsi segnali di fumo programmatici, con l’intento evidente di sondare il terreno per un’eventuale intesa di Governo.

Tant’è che a un capo della Lega che ha parlato dell’esigenza di abbassare le tasse, investire in 

sicurezza e abolire del tutto la Legge Fornero, ha risposto quasi all’unisono quello grillino, 

ribadendo il taglio delle tasse e il superamento della stessa Fornero, 

per poi aggiungere l’aria fritta della lotta alla 

disoccupazione giovanile e un non ben precisato welfare per le famiglie.

 Il tutto poi, onde confermare il 

forte avvicinamento tra onesti a 5 Stelle e populisti padani, sostenuto dalle parole di apprezzamento 

espresse tanto da Di Maio che dal suo garante Beppe Grillo, 

i quali hanno tenuto a sottolineare quanto 

Salvini sia un personaggio che abbia dimostrato di mantenere la propria parola.

Ora sul piano delle convergenze programmatiche, 

quasi tutti i giornali italiani hanno messo in evidenza 

la repentina scomparsa della flat tax e del reddito di cittadinanza, ossia i due principali cavalli di 

battaglia di Lega e Movimento 5 Stelle, 

valutando ciò come una chiara quanto reciproca intenzione di 

raggiungere un accordo di Governo. Ma è proprio qui che casca l’asino, come si suol dire, dato che 

anche ciò che sembra rimasto sul tappeto, considerando le sempre precarie condizioni del Paese, è 

ampiamente sufficiente per ottenere in brevissimo tempo un clamoroso fallimento. 

Un fallimento che, in 

estrema sintesi, può essere di due tipi: politico o economico-finanziario.

Il primo, quello politico, deriverebbe dalla successiva presa d’atto, 

una volta che l’unione dei populisti 

italioti avesse raggiunto la stanza dei bottoni, che neppure quel che resta delle grandi promesse 

elettorali potrà mai essere messo in pratica, dato che abbattere la pressione fiscale aumentando 

ulteriormente, con l’abolizione delle Legge Fornero, la già colossale spesa previdenziale non è cosa 

praticabile all’interno di un sistema che voglia restare agganciato

 ai criteri di una minimale stabilità sul piano del bilancio pubblico.

Al contrario, e veniamo al fallimento di secondo tipo, nel caso il futuro

 Esecutivo giallo-verde decidesse 

di realizzare in deficit i citati punti di convergenza, 

magari aggiungendo qualche altra spesa pazza così 

da non farsi mancare nulla, prima che sia l’Europa della moneta unica a 

reagire ci penserebbero i tanto 

bistrattati mercati finanziari, neutri per definizione e sostanza, 

i quali comincerebbero a surriscaldare 

pericolosamente i nostri attuali tassi d’interesse che gravano sul nostro gigantesco debito pubblico, 

trascinando il Paese di Pulcinella e di Meneghini sulla soglia di un catastrofico default.

In questo modo, i milioni di ingenui e sprovveduti che continuano a credere agli asini che volano 

dovranno prendere atto che la somma di due populismi che promettono facili scorciatoie per 

problemi assai complessi non può che peggiorare le cose.



.
Previsioni per il 2018






.

Nessun commento:

Posta un commento

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/

Google+ Followers

PACE

PACE
PACE

emergency

disattiva AD BLOCK