loading...

CONDIVIDI

Share

sabato 21 aprile 2018

Condannato Dell’Utri per la Trattativa Stato Mafia e Silvio



La storia entra dalla porta principale dell’aula bunker di Pagliarelli: 
alle 16, dopo 4 giorni e mezzo
 (e quasi 5 anni di udienze) 
di camera di consiglio, la corte d’assise del processo Trattativa esce con una 
sentenza che in pochi si aspettavano. 
A parte Nicola Mancino, l’unico che non rispondeva degli accordi 
inconfessabili nel periodo delle stragi del ‘92-’93 e 
che viene assolto dall’accusa di falsa testimonianza, 
tutti gli imputati vengono condannati. 

Una batosta: 12 anni ai generali dei carabinieri del Ros Mario Mori 
e Antonio Subranni, per avere stretto le intese con i boss, 28 anni a Leoluca Bagarella 
(la Procura ne aveva chiesti 16), 
12 all’altro mafioso Nino Cinà, altrettanti a Marcello Dell’Utri, che garantì - lo dice il 
dispositivo, con sufficiente chiarezza, lo rilancia il pm Nino Di Matteo - il necessario tramite tra i 
capimafia che ricattavano lo Stato e il governo Berlusconi. E poi 8 anni al colonnello Giuseppe De 
Donno e a Massimo Ciancimino, superteste in apparenza smentito su tutta la linea ma - in attesa delle motivazioni - in gran parte creduto dai giudici. Per il pentito Giovanni Brusca scatta la prescrizione. 
Difese sotto choc, preannunciato l’appello. La posizione processuale di Mancino era relativamente 
marginale, ma aveva pesato tantissimo nella vicenda. Perché c’erano le sue telefonate intercettate con il consigliere giuridico del Quirinale, Loris D’Ambrosio, morto d’infarto a 62 anni, nell’estate del 2012, col dolore e l’irritazione del Colle. E c’erano le conversazioni (registrate dalla Dia) ancora dell’ex ministro dell’Interno con lo stesso Napolitano, distrutte senza essere depositate 
(e dunque pubblicate), ma solo dopo il ricorso del Capo dello Stato 
e su ordine della Corte costituzionale. 



Decisione dura quella del collegio presieduto da Alfredo Montalto, il magistrato che, da Gip, aveva 
arrestato per concorso esterno il decimo imputato di questa vicenda, Calogero Mannino, tenendolo in 
carcere (nel 1995) sebbene avesse perso 40 chili e affermando che era una sua scelta, nutrirsi solo di 
verdure. Mannino, processato a parte, in abbreviato, per la trattativa, era stato assolto dal Gup Marina Petruzzella, nel 2015. Sentenza che va in controtendenza rispetto ad assoluzioni nei grandi processi di Palermo – Andreotti, salvato in gran parte dalla prescrizione, lo stesso Mannino dall’accusa di mafia, il generale Mori, processato due volte e sempre uscito pulito – e perché dice a chiare lettere che la 
strategia mafiosa di attacco allo Stato, iniziata dopo la conferma in Cassazione delle condanne del 
maxiprocesso, con l’omicidio di Salvo Lima e con le stragi del ’92, fu vincente. I boss trovarono infatti sponde negli uomini dello Stato, che assecondarono le richieste di attenuazione del carcere duro, di una legislazione restrittiva contro i pentiti e i sequestri di beni. I mafiosi così continuarono: morti Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, i grandi nemici di Cosa nostra, catturato, dal Capitano Ultimo e dal Ros di Mori e Subranni, Totò Riina – in circostanze misteriose, seguite da un’inspiegabile perquisizione del covo fatta solo dopo 18 giorni – gli eccidi proseguirono, stavolta in Continente, tra maggio e luglio ’93, a Roma, Firenze e Milano. E a novembre di quello stesso anno il guardasigilli dell’epoca, Giovanni Conso, non aveva rinnovato o prorogato 330 decreti di sottoposizione al 41 bis. La sentenza rimette poi in gioco il ruolo di Forza Italia, partito fondato, con Silvio Berlusconi, proprio da Dell’Utri, che sta già scontando 7 anni per concorso in associazione mafiosa. Dell’Utri “trattò” dal ’93 in poi, al posto del Ros: a gennaio del ’94 fallì l’attentato dello stadio Olimpico contro i carabinieri, a marzo 
dello stesso anno il Partito  FORZA  ITALIA vinse le elezioni. 
E tutto si acquietò. 

DA : http://www.lastampa.it/



LEGGI ANCHE

L'ex senatore Marcello Dell’Utri è il collegamento tra Cosa nostra 
e il governo dell’ex cavaliere Silvio Berlusconi che ...



.
Previsioni per il 2018






.

Nessun commento:

Posta un commento

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/

Google+ Followers

PACE

PACE
PACE

emergency

disattiva AD BLOCK