CONDIVIDI

Share

martedì 17 giugno 2014

MONDIALI DI CALCIO, TRA POVERTÁ E REPRESSIONE


Ultimamente, nei canali televisivi nazionali (peruviani) vedo, sempre piú spesso, immagini di violenti scontri tra la polizia brasiliana ed abitanti delle cosiddette "favelas" (quartieri poveri e precari, spesso baraccopoli, in genere situati presso le piú grandi cittá brasiliane). La televisione -brasiliana e peruviana- parla di scontri tra "forze dell'ordine" e "delinquenti". In realtá le favelas non sorgono come una forma di organizzazione della delinquenza, ma perché offrono ad una parte della popolazione la vicinanza alle metropoli: al lavoro, al commercio, alla scuola e, in generale, all'ambiente urbano.

Ma questo non é il principale aspetto del problema: tutti gli scontri di questi ultimi mesi, si verificano solo nelle favelas situate in prossimitá degli stadi dove -tra il 12 giugno ed il 13 luglio- si svolgeranno i mondiali di calcio...

Giá alla fine del 2011, il ministro brasiliano dello sport Orlando Silva -del Partito Comunista Brasiliano (PCB)- aveva rinunciato al proprio incarico, denunciando irregolaritá e violazioni nei programmi sociali e sportivi. Le sue dimissioni arrivarono a generare una crisi nel governo brasiliano, giá che Silva era uno degli organizzatori dei mondiali di calcio 2014 ed anche dei giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016.

I "padroni del calcio" (la FIFA) ne hanno immediatamente approfittato per alzare la voce, manifestando pubblicamente "inquietudine" e "preoccupazione" sulla crisi del governo brasiliano (fatto politico o sportivo?), sulla "sicurezza" (fatto sociale o calcistico?) e sullo "stato delle opere negli stadi brasiliani". Tutto questo fino al punto di obbligare la Presidente del Brasile ad un incontro ed un'intervista, giá alla fine del 2012, con Joseph Blatter (presidente della FIFA o statista?) sulle "difficoltá dell'organizzazione brasiliana".

Non pochi maturarono l'idea che, secondo la FIFA, l' "arretrato Brasile" ed il "povero Sudamerica" giá non fossero all'altezza di organizzare mondiali di calcio (che oggi richiedono tappeti rossi e telecamere, non favelas ed ultras!). A quanto sembra, il governo "progressista" di Dilma Roussef si é mostrato assai piú attento alle "richieste" (o pressioni?) della FIFA e dei padroni, che non alle necessitá (reali) del popolo brasiliano. Invece di dotare le favelas delle elementari strutture sanitarie e delle infrastrutture di cui necessitano, si é deciso di eliminare il problema... eliminando le favelas (ovviamente solo quelle in prossimitá degli stadi)! In realtá, la polizia (e l'esercito!) del Brasile, non sono oggi alla ricerca di "delinquenti" annidati nelle favelas, ma stanno realizzando lo sgombero e la demolizione -sistematica e brutale- di interi quartieri popolari.

Questa operazione ha una duplice finalitá: da un lato si reprimono una parte della popolazione e possibili "ultras", allontanandoli dagli stadi e da probabili luoghi di scontro; ma dall'altro lato si cerca di nascondere, agli occhi del mondo ed al suo "pubblico pagante", un aspetto della realtá brasiliana: lo sviluppo diseguale del capitalismo, la realtá -cruda e vergognosa- della povertá, della disoccupazione, dello sfruttamento, dell'emarginazione e della miseria.

A questo punto, peró, catalogare come "delinquenti" tutti gli abitanti delle favelas che si oppongono allo sgombero in difesa del proprio "quartiere", della propria casa (o baracca), della propria famiglia, dei propri figli e del semplice diritto all'esistenza, appare un'evidente mostruositá, cinica ed infame. A tutti coloro che in questi giorni, in Brasile, resistono e lottano, va tutto il mio rispetto. Ad una societá dove la libertá ha il colore del denaro e le fattezze di un manganello, va tutto il mio disprezzo!

HA RICORDO ANCHE CHE PER TUTTI QUELLI CHE ESULTANO PER LA VITTORIA DELL' ITALIA , GRAZIE AL GOL DI BALOTELLI , CHE IL RAGAZZO E' FIGLIO DI IMMIGRATI
CON TUTTI I PROBLEMI RELATIVI
leggi



Depositato DDL del PD 

sulla cittadinanza agli immigrati

http://cipiri.blogspot.it/2011/11/cittadinanza-agli-immigrati.html 

Finocchiaro: "Ora legge entro il 2011". Marino: "Un bambino che nasce in Italia è italiano, punto"

ECCO UN ESEMPIO DI RAGAZZO CHE AH DOVUTO ASPETTARE IL 18 ANNO DI ETA' PER DIVENTARE ITALIANO

 Mario Balotelli rompe il silenzio e racconta l'astio nei confronti dei suoi genitori biologici, Thomas e Rose Barwuah

 

Mario Balotelli rompe il silenzio e racconta ciò che fino ad ora aveva celato: i suoi genitori biologici, Thomas e Rose Barwuah lo hanno affidato appena nato, perchè impossibilitati a curarlo e accudirlo. Il piccolo venne accudito dai signori Franco e Silvia Balotelli, modesti coniugi con altri figli a carico...
continua a leggere  http://cipiri.blogspot.it/2012/07/italia-regolarizzazione-per-tutti-gli.html

LEGGI ANCHE    http://cipiri.blogspot.it/2014/06/mondiali-2014-non-mi-interessano.html


Blatter deve lasciare: voi fanatici di calcio




.


AMMETTIAMOLO, IL SIGNOR BLATTER DEVE LASCIARE!

firmare questa petizione e farà in modo che la vera voce del calcio sarà presa sul serio. CONTINUA A LEGGERE
http://cipiri.blogspot.it/2014/06/blatter-deve-lasciare-voi-fanatici-di.html



.

SITO INTERNET
CHE SI PROPONE DI 
ESPANDERE
IL 
LAVORO CREATIVO
IN TUTTO IL
MONDO
.



.





LE
IMAGO
DICONO
LA 
VERITA'







.
GUARDALE QUI SOTTO CLICCA
LA FOTO




. Bookmark and Share .

Nessun commento:

Posta un commento

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

PACE

PACE
PACE

emergency

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/