loading...

CONDIVIDI

Share

mercoledì 9 marzo 2011

Brescia, striscioni contro B. rimossi dalla Digos

È reato appendere uno striscione?


“Pronto? Questo è l’ufficio della Digos di Brescia: è lei il proprietario dello striscione?”. Chi ha pensato che potesse essere uno scherzo di carnevale, dovrà ricredersi. Gli striscioni rimossi a Brescia nei giorni scorsi sono al centro delle attenzioni della Digos, la divisione operativa della Polizia di Stato che dipende direttamente dal ministero degli Interni. L’esposto presentato da LeG  Brescia alla Procura chiede di sapere cosa sia precisamente accaduto: è un reato esporre striscioni per chiedere le dimissioni del Presidente del Consiglio? Chi ha disposto la rimozione di quello appeso al terrazzino di via Schivardi? Perché si è mossa la Digos? “L’agente che mi ha chiamato per verificare le mie generalità – dice il socio di LeG, vittima del blitz di domenica scorsa – non ha saputo spiegarmi perché i suoi colleghi sono intervenuti. Non ha voluto dirmi nulla. Ma l’altra sera, i due agenti che hanno bussato a casa mia, hanno spaventato i vicini con il loro modo di fare. Erano in borghese, si sono qualificati come agenti Digos e hanno chiesto informazioni su chi abitasse in quell’appartamento, perché dovevano rimuovere lo striscione. E siccome non c’era nessuno, hanno chiesto la scala e hanno fatto tutto da soli: sono saliti sul balcone e mi hanno portato via lo striscione. Ancora stento a crederci”. Dopo le lettere ai giornali e l’esposto al procuratore capo di Brescia, non ci sono state risposte ufficiali. Unica novità, la telefonata dalla Questura.
“Aspettiamo con ansia che qualcuno ci dica se è reato esporre un cartello per chiedere le dimissioni di Berlusconi – dice Sandra Bonsanti, presidente di Libertà e Giustizia – aspettiamo che qualcuno ci dica perché la Digos si sta occupando di una richiesta di LeG che è stata solennemente e apertamente annunciato davanti a 15 mila persone al Palasharp di Milano, lo scorso 5 febbraio, oltre che firmata da più di 100 mila cittadini. In che Paese stiamo vivendo? Queste di Brescia sono forse le prove generali della riforma che il governo si appresta a varare, affidando alla Polizia l’iniziativa e il controllo delle indagini sottratte sempre più al pubblico ministero?”

di : Olga Piscitelli


 http://www.libertaegiustizia.it/2011/03/09/e-reato-appendere-uno-striscione/

Uno striscione rimosso dagli agenti della Digos, l’altro strappato e sostituito con un sacco di escrementi lasciato sul balcone. Accade a Brescia, succede da noi. Due soci di Libertà e Giustizia sono finiti al centro di uno strano caso che sa di intimidazione. Un giallo dai contorni per niente chiari con tanto di lettera ai giornali e esposto alla Procura. La storia parte da lontano, da quando cioè l’associazione lancia la campagna Dimettiti, rivolta al presidente del Consiglio. Una raccolta di firme è il filo conduttore di una mobilitazione pacifica che culmina con l’incontro al Palasharp del 5 febbraio e continua con campagne di sensibilizzazione in tutte le città. A Brescia, il circolo di LeG, decide di appendere ai balconi striscioni con l’invito a dimettersi rivolto a Silvio Berlusconi. “B. offendi l’Italia, dimettiti”, “B., per favore, dimettiti”, “B. vergogna, dimettiti”. Nel giro di pochi giorni la città si riempie, oggi se ne contano ancora una cinquantina per le vie del centro e anche un po’ oltre, in periferia.
Qualche giorno fa, uno dei soci di LeG, quando di mattina apre le persiane, trova che il suo striscione è stato strappato, ridotto a brandelli. Al suo posto, sul terrazzino spunta un sacchetto di escrementi con quello che sembra un bigliettino di accompagnamento: “Ecco il pranzo dei comunisti, firmato S.B.”. Una bravata, commenta lì per lì, la vittima. L’arrivo tempestivo dei vigili urbani aggiunge agitazione su agitazione: chi li ha chiamati? “Arrivassero con la stessa solerzia quando li chiamo per un una macchina in sosta vietata”, si stupisce il proprietario dell’appartamento, in zona Sant’Anna. Un regolamento comunale vieterebbe di esporre striscioni e panni che disturbino il decoro cittadino. Forse, dicono i vicini, si tratta di quello. Del “regalo” trovato sul balcone non parla nessuno. Sicuri che si tratti soltanto di un gesto di pessimo gusto, i padroni di casa decidono di non andare oltre, di non sporgere denuncia.
Poi, però la storia si ripete. Questa volta, non sono mani qualunque quelle che staccano il secondo striscione, dai muri della casa di un altro socio LeG. Lo striscione di via Schivardi, è stato rimosso e sequestrato, domenica, da agenti della Digos che si sono presentati a casa di uno dei vicini, visto che nell’appartamento con lo striscione non c’era nessuno. Gli agenti si sono identificati, hanno chiesto una scala e saliti fini al balcone hanno rimosso lo striscione anti-Cavaliere. Quell’appartamento, in via di ristrutturazione, non è ancora abitato. Sul balcone, pendeva un vecchio lenzuolo con su la scritta: “B., per favore, Dimettiti (tu e la tua corte di 315 schiavi)”.
Che è successo? “Esporre uno striscione è reato? Se sì, quale norma è stata violata? In tal caso, a quale autorità spetta tale contestazione? Interventi di questo tipo rientrano nei compiti della Digos? Non spetta al magistrato ordinare un sequestro e solo in presenza di un reato?”. Queste domande, nero su bianco, sono state spedite con una missiva ai giornali della città. Il proprietario dell’appartamento ha ritenuto di dover fare un esposto alla Procura, per capire meglio. I soci di LeG Brescia si stupiscono che “in Italia si stia arrivando al punto che non sia lecito chiedere le dimissioni di un presidente del Consiglio non stimato”.

-

2 commenti:

  1. Un altro fatto tremendo.
    Speriamo arrivi un chiarimento, perché altrimenti, altroché libertà.
    Ciao Cipiri.
    Lara

    RispondiElimina
  2. MI SA KE LA LIBERTA' E' SOLO UNA PAROLA USATA MALE ,,, SOB
    CIAO LARA

    RispondiElimina

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/

Google+ Followers

PACE

PACE
PACE

emergency