CONDIVIDI

Share

venerdì 14 settembre 2012

Libia: L'Innocenza dei Musulmani


Libia: sotto accusa regista israeliano che ha girato film

Si chiama Sam Bacile e dice di aver girato il film allo scopo di avvertire americani e occidentali che "l'Islam e' un cancro"
- Fino ad oggi come regista non lo conosceva nessuno. Eppure Sam Bacile, israeliano con doppia cittadinanza residente in California, agente immobiliare più che regista, è riuscito ugualmente a ottenere donazioni per cinque milioni di dollari. Fondi che gli hanno permesso di realizzare « L'Innocenza dei Musulmani », il film che ha scatenato proteste in Egitto e le gravi violenze della scorsa notte a Bengasi in cui sono rimasti uccisi l'ambasciatore americano in Libia John Christopher Stevens e tre funzionari del consolato Usa.

Il film, della durata di ben due ore, è recitato in modo amatoriale da attori di fatto dilettanti. I testi sono un lungo attacco alla figura di Maometto, che appare come un venditore di frottole capace di ingannare un popolo di ingenui e creduloni. Il profeta dell'Islam viene mostrato mentre fa sesso, giustifica abusi sessuali e invoca «massacri».

Il film, alla «prima» a Hollywood ha visto una sala praticamente vuota. Pareva destinato a sparire nel nulla ma poi stato doppiato in arabo da qualcuno, che Bacile dice di non conoscere, e diffuso in Egitto, dove ha poi provocato le prime proteste. Fino alle gravissime violenze di ieri notte in Libia.
 Nena News

 Protesters Storm US Embassy in Yemen
 .
.
Hundreds of protesters chanting "Death to America" stormed the U.S. Embassy compound in Sanna, Yemen on Thursday. The protesters burned the U.S. flag. (Sept. 13)

Centinaia di manifestanti oggi sono scesi in strada in Yemen in segno di protesta contro il film su Maometto e hanno preso d'assalto l'ambasciata americana a Sanaa. La polizia ha esploso colpi d'arma da fuoco in aria per disperdere la folla. Alcuni dimostranti pero' sono riusciti a oltrepassare il recinto dell'ambasciata e hanno dato fuoco a diverse automobili. Inizialmente gli scontri tra dimostranti e forze di sicurezza non avevano provocato vittime. Poi si sono fatti piu' intensi e fonti locali hanno riferito di almeno un morto e diversi feriti. Scontri anche al Cairo dove almeno 10 manifestanti sono rimasti feriti nelle cariche della polizia contro i cortei di protesta. Raduni anche nella Striscia di Gaza dove pero' non si sono registrati, almeno fino ad adesso, incidenti di rilievo.
"Troppo cordinato per essere spontaneo" così un ufficiale dell'intelligence americana definisce l'attaco costato la vita all'ambasciatore Stevens. Dubbi anche sulla vera identità del regista.
Gerusalemme, 13 Settembre 2012. Nena News.

 Forti ombre si addensano sull'attacco di Bengasi che è costato la vita all'ambasciatore americano in Libia.

Una fonte anonima dell'intelligence USA ha definito l'attacco "troppo cordinato e professionale per essere spontaneo".

Funzionari americani ed europei hanno dichiarato che mentre molti dettagli circa l'attacco sono tuttora poco chiari, gli assalitori sembravano organizzati, ben addestrati e pesantemente armati, e sembravano avere almeno un certo livello di pianificazione anticipata. I funzionari hanno detto che vi sono indicazioni che i membri di una fazione militante che si fa chiamare Ansar al Sharia - Sostenitori della Legge Islamica - sono stati coinvolti nell'organizzazione l'attacco al Consolato degli Stati Uniti. "È raro che un RPG7 (un'arma portatile anticarro, ndr) sia presente in una protesta pacifica" hanno affermato fonti ufficiali americane.
 Ma i funzionari ritengono che sia troppo presto per dire se l'attacco fosse collegato all'anniversario dell'attacco alle Twin Towers, anche se questa ricostruzione sembra non convincere gli esperti.
Alcuni analisti si sono spinti a definire l'attacco all'ambasciata americana come una vendetta per l'omicidio, avvenuto lo scorso giugno, del numero due di Al Qaeda Abu Yahya al-Libi. Morte confermata nei giorni scorsi da Al-Zawahiri.
Secondo quanto affermato dalla Quilliam Foundation - un think tank con base a Londra guidato da uno dei leader della rivolta anti Geddafi - l'assalto al consolato di Bengasi si è svolto in due fasi. Dopo la prima ondata di proteste, i funzionari americani hanno organizzato l'evacuazione del Consolato da parte delle forze di sicurezza libiche. Mentre l'evacuazione era in corso, una seconda ondata di attacchi è stata avviata nei confronti di funzionari statunitensi che erano già stati spostati in un luogo apparentemente sicuro. Dal canto suo, il vice-ministro degli interni libico, Wanis al-Sharif, ha rilasciato dichiarazioni contraddittorie e difensive circa l'attacco. Ha riconosciuto di aver ordinato il ritiro delle forze di sicurezza dalla scena nelle prime fasi della protesta con l'obiettivo di evitare il confronto diretto con i manifestanti arrabbiati. Il vice ministro ha ammesso di aver sottovalutato l'aggressione dei manifestanti, ma ha criticato l'esiguo numero di guardie americane all'interno della missione e la loro risposta ai manifestanti, affermando che probabilmente essa ha esasperato ulteriormente gli animi.

Il film

In tanti adesso cercano di capire di più del film che, almeno come ritenuto inizialmente, è stato la causa delle rivolte. Molti giornalisti sono sulle tracce di quello che si pensa sia il regista del film, Sam Bacile. Per adesso nessuno è riuscito a mettersi in contatto con lui, e di lui non c'è traccia.
Jeffrey Goldberg, corrispondente del giornale americano The Atlantic, è riuscito a mettersi in contatto con Steve Kleim, un attivista militante cristiano in California, definito da alcuni giornali come il consultant del film "The Innocence of Muslims". Kleim, che dice di aver incontrato il regista per un'ora, nega che sia di origine israeliana e si dice incerto anche sulla sua origine ebraica, come in un primo momento riportato dalle agenzie internazionali. Lo stesso Kleim afferma che Sam Bacile non è il vero nome, ma più probabilmente è uno pseudonimo. L'attivista cristiano dice che erano circa 15 le persone associate alla produzione del film: "Vengono dalla Siria, Turchia, Pakistan, sono alcuni che sono dall'Egitto. Alcuni sono copti, ma la stragrande maggioranza è evangelica".
Un'attrice californiana, Cindy Lee Garcia, che appare nel film, afferma che era inconsapevole che le riprese fossero sulla vita di Maometto dato che era stata scritturata per un film storico a basso costo chiamato "i guerrieri del deserto". Secondo l'attrice nessuno dei personaggi scritturati era identificabile con la figura del profeta Maometto.
Garcia racconta che in una scena è stata costretta a consegnare suo figlio ad un personaggio chiamato Master George. Ma nel trailer di 13 minuti postato su internet il suo personaggio, doppiato, si rivolge a Maometto.
E vedendo il trailer del film anche la storia dei cento finanziatori ebrei che avrebbero sborsato 5 milioni di dollari per la realizzazione del film sembra non reggere.

di Luca Salerno

Nena News http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=34481

leggi anche

 http://cipiri.blogspot.it/2012/09/trovato-il-regista-un-truffatore-copto.html

Trovato il regista: un truffatore copto californiano


Trovato il regista: un truffatore copto californiano

L'autore del controverso film è un produttore di droga in carcere per truffa. Gli attori si difendono: ha doppiato i dialoghi...

NEW YORK, 28 SET - Nakoula Basseley Nakoula, il cristiano copto di origini egiziane che vive a Los Angeles e che dice di essere uno dei produttori del film anti-islam che ha scatenato proteste in tutto il mondo, e' stato arrestato. L'udienza per stabilire la cauzione e' fissata per giovedi' prossimo. Nakoula, 55 anni, era in liberta' condizionata dopo una condanna per truffa.

IRAN: blocca Google e Gmail



L'Iran censura Google e si auto produce la propria rete internet. L'annuncio del governo è giunto oggi, dalla tv di stato iraniana: basta con Google e Gmail, d'ora in poi i cittadini iraniani avranno un server su misura per navigare in internet.
http://cipiri4.blogspot.it/2012/09/iran-blocca-google-e-gmail.html



-



-


.
 .
 .

-

Nessun commento:

Posta un commento

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/

Google+ Followers

PACE

PACE
PACE

emergency